Giovedì, 03 Maggio 2012 15:27

Partenariato pubblico-privato chiave dell’innovazione

Scritto da
Rate this item
(2 votes)

FIRENZE - Riuniti a Roma presso la sede centrale del Cnr Confindustria, Crui, Banca Intesa Sanpaolo, il vice-presidente della Commissione europea Tajani.

“Insistere nelle eccellenze e nei Distretti tecnologici”, ha dichiarato Nicolais. Per il Commissario europeo alla Ricerca, Geoghegan –Quinn, bisogna “trasformare l’Unione Europea in una ‘Innovation Union’”. Si è svolto oggi a Roma presso la sede centrale del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) il convegno 'Ricerca e innovazione in Europa nel partenariato pubblico e privato', organizzato da Adite (Associazione dei distretti tecnologici). Al centro dell’incontro il ruolo della ricerca pubblica a favore dell’innovazione e dello sviluppo industriale attraverso i Distretti tecnologici. In particolare, è stata sottolineata l’importanza degli investimenti pubblici per lo sviluppo delle infrastrutture e della ricerca interdisciplinare, strumenti in grado di attrarre risorse umane e finanziarie e di incentivare occupazione e crescita economica. Tra gli ambiti strategici individuati: aerospazio, smart communities, nanotecnologie, Ict, agroalimentare, biotecnologie.

“Per favorire la crescita del Paese occorre insistere nella rete delle eccellenze scientifiche e produttive”, ha dichiarato in apertura dei lavori Luigi Nicolais, presidente del Cnr e di Adite: “L’esperienza positiva dei Distretti tecnologici dimostra come l’attivazione di sinergie con i governi territoriali agevoli la diffusione dell’innovazione nel tessuto produttivo. È pertanto auspicabile un maggior coordinamento delle politiche locali e nazionali, nonché l’attivazione di una rete fra i Distretti esistenti e nascenti”.

Anche Maire Geoghegan-Quinn, Commissario europeo alla Ricerca, innovazione e scienza ha sottolineato come “ricerca e innovazione siano i migliori strumenti di cui disponiamo per innovare la nostra economia e affrontare le importanti sfide del momento, grazie alla collaborazione e all’apporto delle varie competenze ed esperienze. Vogliamo trasformare l’Unione Europea in una ‘Innovation Union’ e l’Italia ha la possibilità di svolgere un ruolo chiave in questo processo. Incoraggio, quindi, anche gli stakeholder italiani a prendervi sempre più parte attiva”.

“Una delle priorità dell’azione politica”, ha affermato Francesco Profumo, ministro dell’Istruzione, università e ricerca, “è avviare una nuova generazione di politiche distrettuali basata su cluster nazionali. Nei prossimi giorni lanceremo un bando per le regioni del Centro-nord con risorse pari a 400 milioni di euro, ma il processo di aggregazione coinvolgerà anche distretti già esistenti nelle regioni del Sud. In questo processo gli atenei e gli enti pubblici di ricerca saranno chiamati a svolgere un ruolo fondamentale, favorendo la domanda pubblica e privata di innovazione”.

Alla tavola rotonda conclusiva hanno preso parte Giorgio Squinzi, presidente in pectore di Confindustria, Marco Mancini, presidente della Crui (Conferenza dei rettori delle università italiane) e Andrea Beltratti, presidente di Banca Intesa Sanpaolo. Ha chiuso il convegno Antonio Tajani, vice-presidente della Commissione europea.

Ezio Alessio Gensini

Giornalista, poeta, regista, sceneggiatore. Narratore di vicende sportive e divulgatore scientifico. Apolide. Vive a Křivoklát (Boemia).

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]