Martedì, 31 Luglio 2012 16:40

Marco Mensurati: “Il calcioscommesse è una patologia culturale”

Scritto da
Rate this item
(3 votes)
Marco Mensurati Marco Mensurati

ROMA - Marco Mensurati, insieme a Giuliano Foschini, entrambi giornalisti di Repubblica, sono gli autori del libro-scoop sul calcioscommesse “Lo zingaro e lo scarafaggio”, edito da Mondadori.

I due sono riusciti a intervistare il latitante Hri Hlievski, figura cardine nel meccanismo delle partite truccate svelando un mondo sconosciuto, in primis ai tifosi. “A noi interessava spiegare un sistema, o meglio farne una sorta di autopsia, visto che quel sistema, secondo noi, è morto da anni e tutte le forme di vita che lo circondano altro non sono che i prodotti organici della necrosi”: così Marco Mensurati in questa intervista sulla condizione-simbolo del malessere italiano.


Come è nata l’idea di scrivere “Lo zingaro e lo scarafaggio?”
M.M. La prima volta che Giuliano ed io ne abbiamo parlato è stata a Cremona, una notte, dopo che avevamo mandato l’ultimo pezzo al giornale. Eravamo entrambi stupiti di quanto quell’inchiesta avesse un senso narrativo unico, divertente e significativo. E di come fosse piena di personaggi interessanti, come Paoloni (quello che ha avvelanto i suoi compagni di squadra pur di vincere una scommessa), e come Perumal (quello che ha organizzato una partita, Bahrein-Togo  usando undici attori invece di undici calciatori), e, appunto, come lo Zingaro. Così ci siamo messi a scrivere. Partendo da Paoloni, il portiere che scommette contro se stesso. Poi è uscito un articolo di Gabriele Romagnoli che parlava proprio di Paoloni. Era un capolavoro. Ci siamo spaventati del possibile confronto e abbiamo lasciato perdere… Un anno dopo, abbiamo intervistato Hilievski a Sckopje per Repubblica. Abbiamo aspettato che Romagnoli non scrivesse niente su di lui e abbiamo cominciato a prendere appunti per Lo Zingaro e lo scarafaggio.


Cosa vi ha aperto le porte  del dialogo con i protagonisti del calcioscommesse?
M.M. In alcuni casi non si sono proprio aperte; in altri abbiamo usato i canali classici dei giornalisti, le fonti. In altri ancora siamo ricorsi all’empatia pura. Come nel caso di Hlievski. Contattarlo è stato più semplice del previsto. Il suo cellulare era sull’ordinanza. Convincerlo a riceverci e a “fidarsi” di noi è stato un po’ più complesso.  

 
Può essere considerato un romanzo-verità?
M:M.In realtà, pur rispettando tutti i canoni classici del romanzo, lo Zingaro e lo scarafaggio non può essere considerato un romanzo. E’, piuttosto, la storia -  tutta rigorosamente vera - del calcioscommesse italiano ricostruita attraverso il metodo giornalistico tradizionale e “vestita” in maniera narrativamente accattivante. A Giuliano e a me non interessava raccontare fatti inediti (anche se nel libro ve ne sono), né accusare qualcuno in particolare. A noi interessava spiegare un sistema, o meglio farne una sorta di autopsia, visto che quel sistema, secondo noi, è morto da anni e tutte le forme di vita che lo circondano altro non sono che i prodotti organici della necrosi.  E lo strumento del romanzo “non fiction” ci è sembrato l’unico adatto ad aggirare quella sorta di rimozione automatica che tutti, nel mondo del calcio, tifosi e dirigenti, appassionati e ultrà, attivano appena sentono parlare di “marcio”.


Perché la criminalità organizzata sceglie di investire sul calcio?
M.M. Perché è molto meno rischioso che investire sulla droga o sul contrabbando. Non ci sono leggi adeguate e aggiornate, e perché il mondo del calcio con la sua “stupidità” verticale, e la sua debolezza culturale è un terreno più che fertile per certe pratiche di contrabbando.


Cosa spinge un calciatore al gioco delle partite truccate?
M.M.Il bisogno di soldi. Come sempre. I giocatori firmano contratti milionari ma, tranne rare eccezioni, i soldi li vedono a singhiozzo, a volte non li vedono nemmeno. Le società medie e piccole, ma anche alcune grandi, hanno tragici problemi finanziari. E quindi gli stipendi vengono pagati saltuariamente. I giocatori però fanno fatica a gestire le proprie aspettative e il proprio tenore di vita, quindi capita spesso che si trovino in affanno. Masiello – per fare un esempio –, quello del famoso autogol volontario nel derby, con i soldi vinti con una scommessa si è comprato il Mac nuovo e il divano di casa.


Perché in Italia questa subcultura deviante ha successo?
M.M.Fondamentalmente è un problema culturale. Una malattia che affligge prima i vertici delle istituzioni poi i calciatori. Per dire, indipendentemente da come la si pensi non c’è dubbio che la frase di Buffon (quella sui due feriti e un morto) prima degli Europei fosse infelice. Sono convinto che lo stesso Buffon non la ripeterebbe. Specialmente dopo che agli Europei, la Spagna gli ha spiegato come si comportano i campioni veri. Ma il giorno in cui venne rilasciata quella intervista a Coverciano c’era un ufficio stampa e un dirigente della Federcalcio. Possibile che non sia venuto in mente a nessuno di intervenire, di fermare l’intervista e dire: scusate una frase così va tagliata non si può dire? Non la può dire il capitano della nazionale? Possibile che, a danni fatti, la Federazione invece di convincere Buffon a tornare sui suoi passi, magari con eleganza, magari chiarendo – laddove ce ne fossero – gli equivoci, possibile che la Federazione gli abbia permesso di  fare una conferenza stampa delirante che altro non ha ottenuto che alzare i toni di polemiche inutili?


I tifosi sono vittime della situazione o, inconsapevolmente, hanno un ruolo involontario?
M.M. I tifosi tranne rare eccezioni sono vittime. Divisi per magliette colorate vengono utilizzati dal sistema istituzional-criminale per giustificare e nasondere tutte le malefatte, le omissioni e le incapacità del caso.

Per un giornalista oggi è difficile scrivere di calcio?
M.M.Per un giornalista è difficile provare ad alzare il livello del dibattito. Si torna sempre a parlare dell’Inter e della Juve della Roma e della Lazio. Delle magliettine colorate. E non dei crimini e delle prese in giro della Figc.

Cosa servirebbe al nostro paese per combattere questa patologia?
M.M.Che tutti leggessero lo Zingaro e lo scarafaggio! O, in alternativa, che tutti si sforzassero di guardare a cose come questa adottando un punto di vista un po’ più  elevato, evitando i “giù le mani da” o i “non si tocca”.

Last modified on Martedì, 31 Luglio 2012 18:11
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]