Venerdì, 10 Agosto 2012 19:50

Su Science la combustione ‘pulita’ del metano, uno studio del Cnr

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Presentato sull’ultimo numero della rivista uno studio congiunto Iccom-Cnr e Università di Trieste sulla produzione di nuovi materiali catalitici più efficienti. Le applicazioni potenziali spaziano dalle caldaie alle turbine a gas per generare corrente. Sull’ultimo numero di Science è stata pubblicata la scoperta di un gruppo di ricerca italiano dell’Istituto di chimica dei composti organo metallici del Consiglio nazionale delle ricerche (Iccom-Cnr) e dell’Università degli studi di Trieste riguardo alla produzione di nuovi catalizzatori molto più efficienti per ottenere una combustione più pulita del metano.

“Il nostro catalizzatore consente un miglior uso delle risorse energetiche perché è estremamente reattivo nei confronti della combustione del metano a bassa temperatura”, afferma Paolo Fornasiero, responsabile dell’unità triestina dell’Iccom-Cnr e professore dell’Università di Trieste, che ha coordinato la ricerca. “Il processo si basa sulla realizzazione di un’architettura molecolare mediante un approccio modulare simile alle costruzioni del ‘Lego’. Anziché disporre il metallo sopra l’ossido, come si fa convenzionalmente, abbiamo pensato di costruire prima le particelle di metallo e poi circondarle di uno strato poroso protettivo di ossido di cerio. Si ottengono così delle strutture a sfera con un nucleo metallico. Tale processo esalta la particolare nanostruttura del materiale sviluppato, riducendo il contenuto di palladio e cerio e aumentandone il beneficio economico. Il materiale così ottenuto, a parità di carico metallico, è 30 volte più attivo dei migliori catalizzatori attualmente esistenti e il metano brucia completamente già a 400 °C, temperatura ben più bassa rispetto a quella dei processi oggi utilizzati”.

Notevoli sia le applicazioni, sia i vantaggi potenziali: “Per quanto riguarda i secondi, la riduzione delle emissioni serra, un sensibile risparmio energetico e il conseguente miglioramento del processo industriale”, prosegue il ricercatore. “A livello applicativo futuro possiamo ipotizzare l’utilizzo nelle caldaie a metano, nelle stufe catalitiche e nelle turbine a gas, per generare corrente con un significativo miglioramento delle prestazioni e la riduzione dell’inquinamento prodotto. Inoltre notevoli sono le prospettive per l'abbattimento del metano incombusto dai gas di scarico di autoveicoli”.

Al raggiungimento di questo risultato hanno contribuito Matteo Cargnello e Tiziano Montini dell’unità Iccom-Cnr presso l'Ateneo Giuliano, il gruppo di ricerca diretto da Raymond J. Gorte dell’Università della Pennsylvania (Filadelfia - Usa) e quello di José J. Calvino dell’Università di Cadice (Spagna).

Ezio Alessio Gensini

Giornalista, poeta, regista, sceneggiatore. Narratore di vicende sportive e divulgatore scientifico. Apolide. Vive a Křivoklát (Boemia).

www.dazebaonews.it

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]