Mercoledì, 12 Settembre 2012 15:44

Sanità. Introdurre l'interruzione gravidanza volontaria

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Il servizio è inesistente in alcune regioni. La Federconsumatori scrive al Ministro della Salute

 
ROMA - Il grave episodio verificatosi a Jesi nei giorni scorsi dimostra quanto sia sempre più difficile garantire il servizio di interruzione di gravidanza negli ospedali pubblici. Per questo è urgente un intervento mirato per dare piena attuazione alla legge e garantire il diritto delle donne di interrompere la gravidanza nei tempi e con le modalità previste dalla legge n.194/78. L’obiezione di coscienza dei medici, infatti, è  in costante crescita e riguarda  oltre l’80% dei ginecologi e oltre il 50% di anestesisti e ostetriche.
In concreto, Il diritto di obiezione dei medici  nega alle donne il diritto, garantito dalla legge, di interrompere la gravidanza. Questo rappresenta una grave lesione dei diritti delle donne costituzionalmente garantiti e soprattutto un “conflitto di diritti”, ovvero quello delle donne e quello dei medici. Conflitto che va sanato  con urgenza perché lede gravemente la libertà di scelta delle pazienti. Dove sono e cosa fanno le Regioni che, per legge, sono chiamate a garantire l’attuazione della legge 194?
Quali sono i dati aggiornati rispetto alle richieste ed alle interruzioni di gravidanza effettuate?
La grave carenza del servizio pubblico in questo senso costringe le donne ad abortire all’estero, oppure a ricorrere alla sanità privata e, nei casi peggiori, a pratiche illegali e pericolose.
Interessante il messaggio “il buon medico non obietta”, della Consulta di Bioetica Onlus, perché rimette in primo piano le esigenze della donna. Il buon medico non è colui che non pratica le interruzioni di gravidanza, ma quello che sta vicino alla sua paziente e non la lascia sola in un momento difficile.
La Federconsumatori si impegna a fare una richiesta esplicita al Ministero della Salute al fine di monitorare la dilagante violazione dei diritti garantiti dalla legge 194/78.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]