Mercoledì, 19 Gennaio 2011 10:55

Gli indignati scendono in piazza. Davanti al Quirinale per denunciare il degrado istituzionale

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - C’è un’Italia diversa, indignata dal degrado in cui il presidente del Consiglio ha trascinato le istituzioni e l’immagine del Paese nel mondo.

Questo è il sentire che accomuna migliaia di cittadini indignati, ma non per questo rassegnati, che oggi, mercoledì 19 gennaio, hanno organizzato un presidio   a Roma davanti al Quirinale dalle ore 20. Iniziative analoghe si terranno anche  a Milano, Torino e Parig. Insomma è arrivato il momento di voltare pagina mobilitando le coscienze, perchè - dicono gli organizzatori - "dobbiamo rispetto innanzitutto tutto a noi stessi, alle cittadine e ai cittadini di questo Paese umiliato e offeso.Saliamo al Quirinale – precisano - nel momento in cui tutti sembrano aver paura di farlo. Per far sentire la voce di chi non ci sta e vuole che l’Italia sia al più presto restituita alla normalità di una grande democrazia occidentale; per far sentire la nostra solidarietà e la nostra vicinanza al presidente della Repubblica, l’unica istituzione,  in questo momento,  capace di rappresentare il Paese con dignità ed autorevolezza."


Per maggiori info
 www.indignati.org

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]