Martedì, 05 Marzo 2013 15:25

L'Ilva ha distrutto tutti i tesori di Taranto. Un referendum per decidere il futuro

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

TARANTO - "Taranto subisce una situazione disastrosa, l’inquinamento più elevato d’Europa, malattie gravissime (leucemie, linfomi e tumori respiratori) ed una crisi economica spaventosa.

Questa situazione è intollerabile."  Così l'appello del Comitato TARANTO FUTURA che ha l’obiettivo di stimolare la classe politica ad una severa presa di posizione nei confronti della grande industria, l’Ilva in particolare, imputata del crescente numero di morti per neoplasie, malattie cardio-respiratorie e malattie immunitarie.

"Vogliamo costruire una nuova città che possa tutelare la salute, l’ambiente ed il lavoro, grazie alle millenarie risorse del territorio (porto, turismo, agricoltura, maricoltura, storia, archeologia, artigianato, tradizioni, ecc.)"

Insomma per il comitato "è arrivato il momento di cambiare un’epoca. Il 14 aprile 2013 si svolge un referendum popolare per fare esprimere i cittadini sul futuro di Taranto
Saranno i cittadini a decidere il futuro.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]