Venerdì, 08 Marzo 2013 13:27

Otto marzo. Fiori dal cemento. Storia di lavoratorici delle costruzioni

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA -  “…la svolta è avvenuta quando ella stessa ha intuito che il problema non era suo, ma era nostro. Nostro delle lavoratrici, nostro del sindacato, nostro del Paese. Ed è solo percorrendo questa strada, sposando questo nuovo punto di vista, pertanto, che il lavoro può assumere una nuova dimensione fatta di identità , dignità , ricchezza e passione.

” Cosi Susanna Camusso nella postfazione al libro “FIORI DAL CEMENTO” storie di donne che lavorano nel settore delle costruzioni raccontate dalla penna di quattro scrittrici per la piccola casa editrice indipendente partenopea Caracò.

Il 5 marzo è iniziato il viaggio di questo libro, che lo porterà  in numerose città  italiane  per poi concludersi il 19 aprile a Roma nell'assemblea nazionale delle donne delle costruzioni con i segretari
generali di Cgil e Fillea, Susanna Camusso e Walter Schiavella. L’impresa letteraria, voluta dalla Fillea e da [email protected], la rete delle donne  degli edili Cgil, racconta le vite e le esperienze di lavoratrici vere, in carne ed ossa, attraverso la narrazione di quattro scrittrici, Raffaella R. Ferrè, Carmen Pellegrino, Maria Cristina Sarò, Cristina Zagaria, da cui emerge un mondo complesso, dove  le aspirazioni, i desideri ed i talenti si incrociano con la fatica, la pazienza e la determinazione, a volte con la sofferenza e gli abusi. Un mondo fatto di mille pezzi difficilmente conciliabili tra loro,  il cui campo di battaglia è troppo spesso il lavoro.

Storie diverse – una restauratrice, una impiegata dell’edilizia, due operaie del legno –  che hanno un comune denominatore “il filo rosso che unisce regioni diverse, percorsi formativi e di vita diversi, culture diverse: il lavoro, come unico e straor-dinario strumento di realizzazione di se stessi” si legge nella introduzione di Walter Schiavella “e se il lavoro è lo strumento, la resistenza è la cifra che caratterizza tutte queste esperienze: resistenza in settori che vorrebbero solo uomini a lavorare, modulati su modelli maschili, dove non esistono servizi igienici o alloggiamenti separati, dove i turni di lavoro e gli strumenti e i materiali usati sono tarati sulla resistenza fisica maschile; resistenza a crisi aziendali, a ristrutturazioni che le vorrebbero sostituite da uomini, meno impegnativi, o da giovani donne, disposte a peggiori condizioni, a patto che non abbiano nei propri progetti velleità materne; resistenza alle proprie famiglie che spesso non capiscono ansie e sofferenze legate ai loro lavori. Eppure, contro tutto, queste donne resistono.”  Per fortuna!

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]