Giovedì, 14 Marzo 2013 16:56

ATIt e ISPRA per la conservazione della fauna italiana

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - L’Associazione Teriologica Italiana Onlus (ATIt), che raccoglie i più importanti studiosi italiani dei mammiferi, ha iniziato una collaborazione con l'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) del Ministero dell'Ambiente.

L'obbiettivo generale è quello di verificare lo stato dell'arte relativo alle misure di tutela della fauna selvatica protetta in Italia dalla normativa europea, per la conservazione degli habitat naturali, seminaturali, della flora e della fauna selvatica (Direttiva “Habitat”). La Direttiva “Habitat” è uno dei capisaldi per conservazione di specie e habitat in Italia e in Europa. Due zoologi dell'ATIt, selezionati tra 12 candidati esperti nel campo della distribuzione, conservazione e monitoraggio dei mammiferi e delle procedure di attuazione della Direttiva “Habitat”, collaboreranno con ISPRA per verificare quantità ed efficacia delle azioni messe in campo per ridurre/evitare il degrado di habitat e degli habitat di specie che sono tra le prime cause di perdita di biodiversità e di perturbazione delle specie di importanza comunitaria. Tra queste vi sono l’orso bruno, il lupo, la lince, la lontra, i cetacei e molti pipistrelli. I pipistrelli in particolare, negli ultimi quindici anni, hanno visto un importante avanzamento delle conoscenze sia sulle specie,sia sulla loro ecologia e che hanno mostrato essere anche interessanti indicatori di qualità ambientale. Tutto raccontato nel XLVII Volume della Fauna d'Italia – Mammalia V: Chiroptera, curato da Benedetto Lanza. Merito delle modeste somme investite nella ricerca e non “sprecati” come qualche qualche giornalista/politico ha definito, forse “nostalgicamente” affezionato al cemento e al consumo del territorio.
Il lavoro nell'ambito dei provvedimeni della Direttiva “Habitat” si concluderà alla fine giugno e verrà inviato dal Ministero alla Commissione Europea. L'Associazione Teriologica Italiana ha come scopo principale la ricerca e la conservazione dei mammiferi; pubblica regolarmente una rivista scientifica internazionale disponibile gratuitamente online, ove molti studiosi italiani e stranieri contribuiscono coi risultati delle loro ricerche. Tutto questo rappresenta una significativa conferma di autorevolezza e qualità dei nostri ricercatori e dell'ATIt nel panorama scientifico italiano.

Link utili:
http://www.italian-journal-of-mammalogy.it/
http://biocenosi.dipbsf.uninsubria.it/atit/

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]