Venerdì, 17 Maggio 2013 13:15

Legambiente. In otto giorni rimosse 3 tonnellate di catrame

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

I volontari di Legambiente a Levanzo per un secondo intervento di pulizia dopo lo spiaggiamento di idrocarburi dei mesi scorsi

ROMA - Tre tonnellate di catrame rimosse dalla splendida spiaggia rocciosa di Cala Tramontana, a Levanzo, nell’Area Marina Protetta delle Isole Egadi. E’ il risultato del secondo intervento nell’arcipelago dei gruppi specializzati nella pulizia delle coste a seguito di spiaggiamento di prodotti petroliferi di Legambiente protezione civile.

La settimana scorsa, infatti - dopo l’intervento dei volontari di Legambiente a Favignana dove, a gennaio, con condizioni meteo particolarmente difficili, è stata raccolta un tonnellata e mezzo di idrocarburi - l’attività è ripresa a Levanzo, dove lo spiaggiamento di catrame aveva interessato circa 70 mq di costa. Un intervento, particolarmente complesso dal punto di vista logistico, che ha consentito di rimuovere uno strato consistente e solidificato di catrame, spesso in alcuni punti diversi centimetri, e di limitare l’impatto ambientale dello spiaggiamento evitando che un notevole quantitativo di prodotto tossico e inquinante rimanesse disperso nell’ambiente.

Le operazioni sono state condotte a mano, con l’ausilio di diversi strumenti da lavoro: dai piedi di porco ai punteruoli per rimuovere gli strati più secchi e duri di catrame, a pale, palette e spazzole, indossando tute protettive, guanti speciali, maschere antigas e occhiali. La spiaggia di Cala Tramontana interessata dall’inquinamento è un luogo di straordinaria bellezza e ricchezza naturalistica dove nidificano uccelli marini ed è raggiungibile attraverso un lungo sentiero percorribile a piedi.

L’intervento dei volontari di Legambiente, attivati dal Dipartimento della Protezione Civile dopo la segnalazione dello spiaggiamento, è stato coordinato dall’autorità di protezione civile locale e condotto grazie alla sinergia con il Comune di Favignana e l’Area Marina Protetta delle Isole Egadi e con la collaborazione dei volontari del gruppo locale dei Vigili del Fuoco in Congedo.

“Tre tonnellate di catrame in meno sparse sulla costa, a danneggiare l’ambiente - commenta Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente - sono un risultato davvero ragguardevole, realizzato con procedure collaudate per tutelare al massimo l’integrità delle coste e il delicatissimo ecosistema dell’isola.

Purtroppo - aggiunge Rossella Muroni - gli sversamenti accidentali di idrocarburi, ma anche il lavaggio di cisterne in mare, sono fin troppo frequenti nel Mediterraneo e mettono a rischio ambienti marini e costieri dagli equilibri complessi e spesso fragili, che rappresentano invece una nostra preziosa risorsa. Per questo è urgente che il nostro Paese aumenti i livelli di prevenzione e di repressione dello sversamento di petrolio in mare, dotandosi di strumenti più adeguati rispetto a quelli attualmente in vigore. E’ necessario, inoltre, un radicale cambiamento di rotta della politica energetica nazionale, che deve puntare finalmente sulle fonti rinnovabili e non inquinanti”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]