Venerdì, 24 Maggio 2013 17:07

Il progetto 'Donne fuori scena' vince il contest #Noviolenza #donne

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Si è concluso oggi a Roma il concorso sul tema “#NOVIOLENZA #DONNE! LA VOCE DEI GIOVANI. UNA GARA DI IDEE” (www.noviolenza.it), promosso dall’AIED (Associazione Italiana per l’Educazione Demografica) e dalla COCOON PROJECTS.

Il concorso ha coinvolto 140 ragazzi e ragazze (119 donne e 21 uomini dai 18 ai 29 anni), e i progetti presentati sono stati 60 provenienti da 33 città italiane.  E’ la prima volta che ciò avviene in Italia, ed abbiamo avuto modo così di conoscere su una problematica attualissima e drammatica, il pensiero e le proposte dei giovani. Riteniamo che questo abbia un vero e proprio significato politico, culturale e sociale, che merita di essere rilevato ed analizzato.

Risulta di particolare interesse il fatto che i progetti presentati sono tutti molto diversi tra loro, ma alcuni aspetti ritornano frequentemente. Infatti, la maggior parte di essi prevede la necessità di creare attività in cui i ragazzi siano coinvolti molto di più, e in  cui le scuole abbiano un ruolo centrale. Comune è l’attenzione a non lasciare sola chi ha subìto violenza, ma curarne -invece- l’accompagnamento e la tutela.
Torna spesso l’importanza di organizzare una più fitta ed efficace rete di supporto e di contrasto da parte di istituzioni, forze dell’ordine, associazioni, centri antiviolenza.

Infine, l’aspetto che colpisce, emerso da questo concorso che potrebbe essere assimilabile ad una ricerca, è il rifiuto dei giovani della visione vittima/carnefice, in quanto entrambi considerati parte di una società malata in cui un’educazione sbagliata, falsi valori e il perpetuarsi di vecchi stereotipi portano ai comportamenti ed ai fatti che sono cronaca quotidiana.

“Donne fuori scena” (http://www.aied-roma.it/no-violenza-contest/donne-fuori-scena/) proposto da un team di 3 ragazze romane si è aggiudicato il premio di 10.000 euro, 3.000 euro in contanti e 7.000 euro in servizi di supporto alla definizione e all’avvio dei progetti erogati da COCOON PROJECTS per i tre mesi successivi all’evento.

“E’ un progetto multidisciplinare che parte dai testi delle drammaturghe di cinque diversi continenti - spiega Valentina Rapetti, team leader di “Donne fuori scena” - e si sviluppa nelle scuole, nei centri antiviolenza, nelle carceri”. Propongono laboratori teatrali e spettacoli itineranti che portano in scena la violenza nelle sue diverse forme, dall'uxoricidio alla violenza domestica e psicologica.

“Siamo molto soddisfatti del lavoro compiuto - ha affermato il presidente dell’AIED di Roma, Luigi Laratta - perché abbiamo ascoltato la voce dei giovani, quasi sempre assente sui mezzi di comunicazione. Abbiamo così appreso e capito punti di vista differenti, un approccio nuovo alla violenza contro le donne e il femminicidio, di cui occorre senz’altro tener conto per una più completa e moderna visione del problema e di come contrastarlo”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]