Martedì, 25 Giugno 2013 12:16

Salute. Rinosinusiti, passali, sono come una malattia sociale

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Past President Ifos è stato premiato a Seoul per l'attività di ricerca

ROMA  - La rinosinusite e' come una malattia sociale, perche' colpisce la maggioranza della popolazione con un rapporto costi-benefici nettamente a discapito dei benefici. A spiegarlo all'agenzia Dire e' Desiderio Passali, docente di Otorinolaringoiatria presso l'Universita' di Siena e past president dell'Ifos (International federation of orl societies). Anche un raffreddore comune, infatti, puo' considerarsi una rinosinusite, perche' "la forma infiammatoria iniziale si trasforma successivamente in infettiva batterica- precisa il professore- con tutte le problematiche che possono scaturire da tali infezioni".    Quello che "si studia oggi- sottolinea l'esperto- sono le cause che portano alla cronicizzazione del processo infiammatorio-infettivo, ad esempio le allergie e le immunodeficienze, poiche' si e' stabilito che nella quasi totalita' dei casi le patologie dei seni paranasali sono susseguenti alle infiammazioni del naso". Passali consiglia pertanto di "non trascurare le patologie nasali, anche se in apparenza banali, dal momento che le infiammazioni, se ignorate, possono evolvere in problematiche ben piu' gravi in grado di coinvolgere organi e apparati vicini. Si tratta di una serie di patologie tra di loro collegate- precisa il docente- e precedute da una mucosa nasale che non funzione bene perche' infiammata: rinosinusite, poliposi nasale, sindrome rino bronchiale, asma e bronchiti recidivanti".

 

Passali e' stato recentemente premiato a Seoul, durante il ventesimo congresso della Societa' mondiale di otorinolaringoiatria, con una medaglia d'oro per le sue attivita' di ricerca, promozione e sensibilizzazione delle problematiche del settore nel mondo. "Si tratta di un premio che viene assegnato a due o tre specialisti ogni quattro anni- commenta- in occasione appunto del Congresso mondiale delle societa'".    In merito alle patologie del naso- prosegue l'ex presidente della Societa' italiana di otorinolaringologia e chirurgia cervico-facciale (Sio)- l'equipe da me guidata ha recentemente concentrato i suoi sforzi all'individuazione di alcune proteine chiamate 'allarmine' che, se in eccesso, innescano e sostengono  l'infiammazione della mucosa del naso e dei seni paranasali. Attraverso la caratterizzazione di tali proteine siamo in grado di capire e seguire l'evoluzione della patologia e, di conseguenza, possiamo arrestarla modulando con principi idonei la reazione infiammatoria e la cronicizzazione della patologia".    In definitiva, gli studi condotti dall'equipe di Siena, in collaborazione con altri importanti centri di ricerca in Europa e nel mondo, "vorrebbero non solo portare ad un adeguato trattamento del quadro sintomatologico evidente di una infezione naso-sinusale, ma in prima istanza- conclude Passali- controllare sin dall'inizio il processo infiammatorio impedendone l'evoluzione verso le importanti problematiche che ne potrebbero scaturire". (DIRE)

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]