Lunedì, 22 Luglio 2013 15:41

Crisi. A Milano si taglia anche sulla salute

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MILANO - Pesa sempre di più la crisi economica, anche sulle famiglie milanesi, tanto che la maggior parte non riesce più ad arrivare alla fine del mese.

Non si parla più solo dei  nuclei solitamente considerati più deboli, come i migranti.  Ormai anche tra le famiglie una volta meno a rischio e considerate benestanti, è l'ora delle scelte pesanti e delle rinunce più sofferte. Non si tratta infatti di tagliare su ciò che è superfluo, i tagli hanno di fatto cominciato a coinvolgere spese una volta  considerate imprescindibili. 

Si taglia abbondantemente sulla cultura in primis, ma ciò che fa più pensare è che si tagli notevolmente anche sulla salute.  

Lo studio della Camera di Commercio di Milano sui consumi delle famiglie locali, elaborato tra marzo 2012 e lo stesso mese del 2013, infatti non lascia più dubbi. Le famiglie del capoluogo lombardo fanno la spesa per complessivi 27 miliardi di euro all'anno. Significa che ogni nucleo spende al mese circa 3mila euro. Si tratta sicuramente di un record nazionale, poiché supera  la media italiana di ben 550 euro. Ma il punto non è tanto questo. Il rapporto infatti evidenzia che  sette famiglie milanesi su dieci non riescono più a risparmiare e sono costrette a spendere tutto per mantenersi.

Ecco allora una serie di rinunce, a partire anche dal cibo, dove spicca il -27% dei soldi spesi per comprare la carne. 

Più facile è risparmiare sul superfluo, quindi su abbigliamento (-21%).  Sa invece di vero e proprio sacrificio il -17,2% registrato dalle spese in sanità. Pesante anche il -12,3% delle spese in cultura. Continuano intanto a salire i costi per combustibili ed energia (+9%), mentre raggiunge un incoraggiante +16% il capitolo che riguarda l'istruzione. Ovviamente più colpite le famiglie straniere,  con un bilancio a disposizione assai esiguo e un reddito notoriamente inferiore.  La loro spesa media mensile risulta infatti più bassa di quasi il 50% rispetto alle famiglie milanesi più tradizionali.  Ma a dover stringere la cinghia di brutto è chi non ha famiglia, anzi la cui famiglia termina appunto con se stesso. Stiamo parlando dei single che  spendono mediamente 2.267 euro al mese, solo mille euro circa in meno dei nuclei familiari più strutturati.

Last modified on Venerdì, 26 Luglio 2013 23:19

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]