Venerdì, 06 Settembre 2013 11:33

Italia-Azerbaigian. Campo della Solidarietà

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - L’Associazione Italia-Azerbaigian ha organizzato, dal 31 Agosto al 10 Settembre 2013,  la prima edizione de “Il Campo della Solidarietà”.

Il progetto ha l’obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica italiana al conflitto in Nagorno Karabakh, largamente e colpevolmente ignorato, e di gettare ponti tra le culture e le società italiana ed azerbaigiana. Congelatosi nel 1994, il conflitto in Nagorno Karabakh rappresenta una delle più rilevanti ferite ancora aperte della convivenza internazionale. Una delle più drammatiche conseguenze del conflitto e della perdurante occupazione armena di circa un quinto del territorio azerbaigiano è stato il massiccio esodo di sfollati dalla regione.

 

Da più di un ventennio ormai, oltre 1.000.000 tra rifugiati e profughi interni risiedono infatti in campi allestiti dalle autorità azerbaigiane, in attesa e nella speranza che un negoziato di pace possa finalmente restituire al Paese le terre ad esso sottratte e garantire il diritto di rientro agli sfollati. Il progetto ruota attorno all’organizzazione di un campo estivo per bambini azerbaigiani di età compresa tra i 12 e i 15 anni provenienti dai campi profughi e prevede il coinvolgimento dei partecipanti in una serie di attività di natura ludico-ricreativa, con un chiaro intento educativo e formativo tanto per i piccoli azerbaigiani, quanto per gli interlocutori e i partner italiani a diverso titolo coinvolti dal progetto.

 

Sono state inoltre peviste visite guidate a Roma e nei comuni gemellati con comuni azerbaigiani – Napoli, Valmontone e Cerveteri, una visita alla Repubblica di San Marino ed incontri con rappresentanti del mondo sportivo, culturale e studentesco giovanile.  La cerimonia conclusiva del progetto, organizzata grazie alla collaborazione del Sindaco di Roma Ignazio Marino, avverrà lunedi' 9 settembre alle ore 15.00 presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio alla presenza dell'Assessore alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità, Alessandra Cattoi. 

Durante la cerimonia verranno consegnati i certificati di partecipazione ai bambini azerbaigiani che hanno preso parte al Progetto ed il Maestro Luigi Recchi, eccellenza dell'arte contemporanea italiana, profondo estimatore della cultura e del popolo azerbaigiano, offrirà a ciascun ragazzo un dono a ricordo di questa importante esperienza.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]