Giovedì, 17 Ottobre 2013 14:46

L’allarme di Legambiente. Nelle aree intorno a Chernobyl situazione ancora gravissima

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

“Urgente intervenire subito per spostare quei bambini che rischiano di non avere futuro”. 100 ogni anno i bambini curati e monitorati a livello sanitario grazie al Progetto Rugiada

 

ROMA - “La situazione nelle zone contaminate intorno all’area di Chernobyl è ad oggi ancora gravissima – spiega Stefano Ciafani, vicepresidente nazionale di Legambiente -, con 5 milioni di persone (tra Russia, Bielorussia e Ucraina) che continuano a vivere in aree contaminate, mangiando e bevendo cibo e acqua radioattivi che provocano loro un abbassamento delle difese immunitarie e varie patologie tumorali, soprattutto nei bambini che sono i soggetti più vulnerabili e che hanno più bisogno di essere tutelati. Non c’è più tempo da perdere: serve un intervento immediato della Comunità Europea per cercare di spostare almeno i bambini, vittime innocenti di una strage senza fine”.

Legambiente continua a portare avanti il Progetto Rugiada, che prevede l’accoglienza di questi bambini in un grande centro, chiamato proprio Centro Speranza, dove ai piccoli viene garantito cibo non contaminato, attività didattiche e soprattutto un supporto pedagogico e medico per evidenziare le patologie tumorali che purtroppo si riscontrano nella maggior parte di loro. La struttura si trova a Vileijka, in Bielorussia, sulle rive di un lago in un territorio non contaminato.

“Grazie al Progetto Rugiada – sottolinea Angelo Gentili, responsabile di Legambiente Solidarietà - sono circa 100 i bambini accolti ogni anno nella struttura. Provengono tutti dalle province maggiormente colpite dal fall out radioattivo e la maggior parte di loro vive situazioni di estrema difficoltà, sia dal punto di vista sociale che economico. Il progetto va oltre l’accoglienza e mira anche a stabilire rapporti continuativi con le autorità locali, le scuole e le strutture sanitarie. Il nostro sforzo però ha bisogno dell’aiuto di tutti, per questo chiediamo ai cittadini e alle autorità un aiuto concreto da subito per riuscire ad aiutare le popolazioni colpite dal disastro nucleare del 26 aprile 1986”.

A portare avanti la linea della solidarietà c’è anche l’accordo stretto ormai da anni con Weleda. Parte del ricavato della vendita dei loro prodotti di cosmesi nel periodo natalizio, infatti, va direttamente al Progetto Rugiada garantendo l’ospitalità nel Centro Speranza e la possibilità di essere seguiti tutto l’anno dal punto di vista sanitario, per curare le possibili patologie tumorali. Nello scorso anno infatti, sono stati 18 i bambini accolti grazie a questo accordo. Per info e per contribuire al Progetto Rugiada: www.solidarietalegambiente.org

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]