Lunedì, 21 Ottobre 2013 15:12

Nessun bambino escluso. Campagna della Fondazione L’Albero della Vita

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Nel nostro Paese sono quasi 30.000* i minori allontanati dalle famiglie di origine perché vittime di abbandono, violenza, abusi e maltrattamenti.

Circa la metà di loro, a causa di situazioni di particolare emergenza, viene affidata a strutture di accoglienza e vive lontano da un vero nucleo familiare.

Di questi 1 su 2 rimane nelle comunità per un periodo di oltre due anni.

Prendersi cura dei minori allontanati dalle famiglie di origine e garantire loro protezione e l’opportunità di un futuro migliore è quanto la Fondazione L’Albero della Vita - Onlus impegnata da oltre 15 anni nella tutela e nel sostegno dei bambini che vivono in situazioni di emarginazione e disagio sociale - realizza all’interno delle proprie comunità di accoglienza dislocate su tutto il territorio nazionale. 

Per continuare a offrire un ambiente ospitale e familiare a bambini, adolescenti e giovani mamme in difficoltà e garantire loro un percorso di recupero psico-fisico e di integrazione nella società, Fondazione L’Albero della Vita lancia “Nessun bambino escluso”, campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi con SMS solidale al 45598, attiva dal 21 ottobre al 10 novembre.

In particolare il ricavato sosterrà 6 case accoglienza di cui tre a Milano, una in provincia di Pavia, una a Oristano e una a Palermo.

L’impegno quotidiano della Fondazione L’Albero della Vita - spiega il suo Presidente, Patrizio Paoletti - è quello di accogliere bambini e adolescenti che vivono in condizioni di grave emarginazione, per restituire loro la speranza in un futuro migliore. Aiutare un bambino o un adolescente che vive in contesti familiari di violenza, solitudine e degrado sociale, per noi significa oggi accompagnarli in un percorso di valorizzazione delle proprie risorse interiori perché possano essere, domani, adulti migliori.

Le comunità di alloggio della Fondazione sono vere e proprie case che accolgono minori di età differenti, dai primissimi giorni di vita fino all’acquisizione dell’indipendenza.

Qui un numero limitato di ospiti condivide, anche grazie alla presenza di operatori professionali, una quotidianità in tutto simile a quella di tante famiglie: la sveglia al mattino, il tragitto a scuola o al lavoro, le faccende domestiche, i pasti, i giochi, gli amici, i pianti, le coccole, le favole prima di addormentarsi.

Si tratta di luoghi attrezzati e confortevoli in cui non ci si limita a far fronte a situazioni di emergenza, ma ai minori vengono offerti il calore di un clima familiare e un intervento educativo personalizzato finalizzato a un corretto sviluppo affettivo e relazionale e a un solido reinserimento sociale.

* ultimo dato aggiornato al 31 dicembre 2010 pubblicato dall’Istituto degli Innocenti di Firenze

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]