Venerdì, 08 Novembre 2013 08:28

La maschera di Guy Fawkes fatta da lavoratori sfruttati?

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - La famosa maschera di Guy Fawkes, diventata icona della protesta con il film "V per vendetta", rischia di aprire una vera e propria contraddizione su quanto dovrebbe rappresentare.

Stando, infatti, ad un servizio fotografico realizzato dall'Agenzia Reuters, le famose maschere sarebbero prodotte a São Gonçalo, in Brasile da lavoratori soggetti allo sfruttamento, come hanno fatto notare in molti. In realtà è la Time Warner, l'azienda di comunicazione proprietaria dei diritti della maschera che dovrebbe ricevere soldi per ogni pezzo venduto. Tuttavia, qualche anno fa alcuni attivisti di Anonymous ordinarono le maschere in Asia per contrastare gli incassi della famosa multinazionale che fa da padrone. Insomma, se questo fosse vero sarebbe una vera e propria contraddizione per tutti quei movimenti che usano simbolicamente la maschera contro la tirannia economica del XXI secolo.

Last modified on Venerdì, 08 Novembre 2013 09:43

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]