Giovedì, 14 Novembre 2013 18:41

Rebecca Covaciu. Un arcobaleno sul Trentino

Scritto da Gian Luca Magagni
Rate this item
(0 votes)
Nella foto, Rebecca Covaciu con il libro "L'arcobaleno di Rebecca" nell'Istituto Comprensivo Borgo Valsugana Nella foto, Rebecca Covaciu con il libro "L'arcobaleno di Rebecca" nell'Istituto Comprensivo Borgo Valsugana

 

TRENTO -  Oggi è stata ospite dell’Associazione Gioco degli Specchi e dell’Associazione Italiana Zingari Oggi – AIZO – Rebecca Covaciu, autrice del libro “L’arcobaleno di Rebecca” e vincitrice del premio UNICEF 2008. Rebecca è rom, ed è studente di 17 anni al Liceo Artistico Boccioni di Milano.

A 12 anni ha fatto un acquarello dove ritraeva la sua famiglia, un cielo con l’arcobaleno, e tanti topi. Questo il disegno premiato. Rebecca è stata nella scuola media di Borgo Valsugana a raccontare la sua esperienza di vita, di come ha vinto il premio e del significato che riveste. E’ una ragazza solare, socievole e piena di voglia di conoscere il prossimo e di raccontarsi. Ha scelto di studiare per diventare una brava artista, ma specialmente ha scelto di dedicare la sua bravura artistica e la sua vita ai diritti umani. E’ lei che con gli studenti dice: “Voglio che quello che ho passato io nella mia vita, nelle baracche, nella sporcizia, mandata via da un posto e poi di nuovo da un altro, non lo subisca nessuno. Nessun bambino deve crescere così come sono cresciuta io, nessuno”. Sottolinea poi come la sua famiglia è sempre stata forte, unita e mai si è persa d’animo. Ogni volta che avveniva uno sgombero da parte delle forze dell’ordine, hanno sempre saputo ricominciare. Sono partiti dalla Romania in cerca di fortuna, come un tempo i nostri vecchi partivano dall’Italia per l’America. Hanno vissuto in tanti stati diversi, sia in America che in Europa, ma hanno sempre trovato diffidenza e discriminazione. Ora vivono in un appartamento a Milano, lei con tutta la sua famiglia. Rebecca ama la sua scuola e sogna già gli anni in cui andrà all’accademia… Il suo sogno più grande è però quello di potersi rendere utile per un mondo più giusto, dove le diversità dei popoli siano finalmente valorizzate, siano motivo di curiosità e di vicinanza fra le persone. Rebecca ha portato con sé il film “La Canzone di Rebecca” – regia di Roberto Malini – nel quale racconta i tragici eventi della sua vita e la sua grande voglia di stare insieme al prossimo. L’arcobaleno di Rebecca denuncia con i topi la drammatica vita del popolo rom e sinto, con i colori vivaci la bellezza del vivere coi propri cari. Alla fine dell’incontro gli studenti hanno chiesto e ottenuto un disegno ciascuno.

 

 

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Prima edizione di “Sinfonia d’impresa”, dedicata a Glauco Dei

MONTEPULCIANO - Il 22 settembre alle Cantine Dei di Montepulciano si è svolta la prima edizione di Sinfonia d'Impresa dedicata all'ingegner Glauco Dei, un industriale che ha saputo coniugare cultura...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]