Domenica, 24 Novembre 2013 17:47

25 novembre. Un giorno senza il lavoro delle donne contro la violenza

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - “Ma si fermano mai, le donne? Lunedì 25 novembre, in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, potrebbe essere il giorno giusto”. Lo scrive la Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa Italiana.

“Non è solo una provocazione lo “Sciopero delle donne” , lanciato da alcune giornaliste e che ha ottenuto numerose adesioni (si possono leggere sul sito www.scioperodelledonne.it): una giornata in cui le donne si fermino dalle attività produttive, riproduttive e di cura: una versione contemporanea dello sciopero di Lisistrata, insomma. La Commissione Pari Opportunità della Federazione Nazionale della Stampa aderisce all’iniziativa e lancia la provocazione: potrebbe, questa società, fare davvero a meno delle donne, del loro lavoro ma anche della loro affettività , per dire un “no” secco alla cultura della violenza? Noi pensiamo di no. Ed è giusto, quindi, farlo sapere con la propria assenza. Più dirompente di molte grida. L’invito è a tutte le donne giornaliste ad aderire all’appello e alla giornata di “sciopero”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]