Lunedì, 16 Dicembre 2013 18:22

Fao. Milioni di persone a rischio fame nella repubblica Centrafricana

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Gli agricoltori della Repubblica Centrafricana hanno bisogno di assistenza urgente per evitare che la situazione della sicurezza alimentare nel paese colpito dal conflitto, peggiori per milioni di persone. È l'appello lanciato dalla Fao che chiede 241 milioni dollari per aiutare 1,8 milioni di persone.

Secondo le stime dell'Integrated Food Security Phase Classification - sostenuto dall'agenzia Onu -, circa 1.29 milioni di persone, ovvero oltre il 40% della popolazione rurale del paese, hanno bisogno di assistenza urgente - quasi il doppio del livello stimato nel febbraio 2013. Queste cifre aumenteranno drasticamente l'anno prossimo se gli agricoltori non saranno messi in grado di prepararsi per la prossima stagione di semina. Quest'anno la produzione agricola è diminuita bruscamente, dopo che la guerra civile scoppiata nel nord-est nel dicembre del 2012 si è allargata al resto del paese. Si stima che circa 500.000 persone siano state costrette ad abbandonare le proprie case per la paura e molti agricoltori non hanno potuto avere accesso ai propri campi. L'agricoltura rappresenta il 53% del Pil nazionale e una quota importante di occupazione nel paese, dove quasi tre quarti della popolazione vive in zone rurali. Le esportazioni agricole - una delle principali fonti di entrate in valuta estera - quest'anno sono calate bruscamente, soprattutto quelle di legname, cotone e caffè. I prezzi dei prodotti alimentari sono elevati e volatili a causa dello smantellamento del mercato. I prezzi del mais nella capitale Bangui, sono aumentati del 31% tra gennaio e novembre 2013, mentre quelli del miglio sono aumentati del 70% tra marzo e ottobre nella provincia di Ouham, un'importante zona di produzione di sorgo e miglio nel nord-ovest del paese. A causa delle difficoltà nel raggiungere le famiglie contadine colpite, il lavoro deve cominciare adesso per aiutarli a prepararsi alle stagioni di semina del 2014. La semina della principale produzione - il mais- dovrebbe iniziare ai primi di marzo nel centro e nel sud del paese, mentre quelle di sorgo e di miglio dovrebbero iniziare nel nord del Paese a maggio. La Fao sta mobilitando fondi e personale in tempo per la stagione della semina di marzo, tra cui lo stanziamento di 1,2 milioni dollari dai propri meccanismi di finanziamento d'emergenza.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]