Venerdì, 18 Marzo 2011 23:49

Roberto Saviano. Errare humanum est

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Su wikipedia  al termine  “divismo”  si legge:  “fenomeno di costume nato nel XX secolo… consiste essenzialmente in un processo di "divinizzazione" di un individuo, nel senso in cui la sua immagine diventa un'icona altamente simbolica e onnipresente nella vita della gente comune, al pari di quello che era stato per le icone religiose del passato”.  

Il  divismo inizialmente riguardava soprattutto gli attori di cinema;  in seguito molti personaggi pubblici, nel bene e nel male, sono diventati “divi”.  Roberto Saviano nella nostra società è “prima donna”:   gode di grande credibilità alimentata dalla vita cui è stato costretto, magari inconsapevolmente, dal suo stesso coraggio e  dai valori in cui crede.

Attaccare la reputazione di un simbolo come il difenderlo a spada tratta, partendo anche da motivazioni insignificanti,  rende protagonista coloro i quali hanno bisogno di godere di luce riflessa: la denigrazione fa salire nella considerazione di se, la sublimazione  anche. In  mezzo a questo sguazza il pettegolezzo,   forte necessità di comunicare tra individui, a volte con divertimento  sadico. Sguazzano le consorterie che parlano per partito preso  e per interesse.


Su Saviano è stata messa in scena una commedia senza argomenti fondamentali. E’ iniziata quando lo scrittore ha narrato che Benedetto Croce, unico superstite di una famiglia orribilmente massacrata dal terremoto, si sarebbe sentito dire da Pasquale Croce, il padre  moribondo: “Offri centomila lire a chi ti salva”. Da più parti gli è stato rimproverato di mistificare la storia e la memoria,  additando quella versione come frutto della sua fantasia.  Probabile che  Saviano abbia scambiato per realtà il racconto che aveva architettato, che abbia commesso errori, che sia stato frettoloso nel documentarsi. Roberto Saviano è un ragazzo di 32 anni,  molto in gamba ma fallibile come tutti. Ciò detto, la zuffa che ne è scaturita ha visto protagonisti esponenti di destra e di sinistra. Continua tutt’oggi, con molte variazioni sul tema, infiamma le pagine dei giornali.  E pensare che si è sbagliato il nobel André Gide quando,  leggendo l’incipit de “La ricerca del tempo perduto”  di Proust, lo rifiutò perché non ne capiva il senso.

Last modified on Sabato, 19 Marzo 2011 01:42
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]