Venerdì, 07 Marzo 2014 15:35

"Miur..ati fuori". Studenti manifestano in tutta Italia: no al numero chiuso

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - In diverse città d'Italia migliaia di studenti i  hanno dato vita a iniziative  contro il numero chiuso e  il decreto del MIUR che taglia ulteriormente i posti e anticipa illegittimamente i test ad aprile.

Lo sbarramento all'accesso dell'università attacca il diritto allo studio di tante e tanti e mette a rischio il futuro del sistema sanitario e culturale dell'intero Paese."Il MIUR con questo decreto non fa che peggiorare le condizioni di una generazione stretta tra la disoccupazione giovanile alle stelle e i costi altissimi che ha lo studio in Italia -  ha detto  Federico del Giudice, portavoce della Rete della Conoscenza-Il MIUR deve ritirare immediatamente il decreto e posticipare i test, nel Paese bisogna prendere atto che è in corso la più grande espulsione di massa dall'università di sempre”

“MIUR…ATI FUORI” è lo slogan con cui gli studenti in mobilitazione hanno manifestato davanti alla sedi  del ministero, dei provveditorati con presidii cortei, a Pisa, Milano, Torino, Asti, Genova, Ferrara, Padova, Bologna, Siena, Urbino, Campobasso, Napoli, Salerno, Bari, Corigliano Calabro, Reggio Calabria, Cagliari: e in altre città.

"Il cambiamento promesso da questo governo si riduce ad un hashtag su twitter, nessun vero cambio di verso è in atto - continua Alberto Campailla di Link Coordinamento Universitario – La ministra  Giannini a pochi giorni dalla scadenza del bando delle iscrizioni sta a guardare, mentre i test d'accesso trasformano in un privilegio il diritto di scegliere, studiare, emanciparsi di tante e tanti studenti italiani. Continueremo tutta la giornata a mobilitarci, con assemblee e presidi: se il MIUR crede di poter trasformare il diritto allo studio in un sistema elitario, basato sui prestiti d'onore e sulle borse di merito, sbaglia di grosso."

Si trasformano diritti di tutti in privilegi di pochi

"A Genova l'assessore regionale Rossetti ha raccolto le rivendicazioni degli studenti partiti in corteo: il decreto n 85 è illegittimo nel metodo e nei contenuti. - conclude Roberto Campanelli, coordinatore dell'Unione degli Studenti - I territori infatti non sono stati consultati e il taglio dei posti a medicina non tiene in nessun conto dell'enorme bisogno di medici che c'è nel nostro Paese. Si trasformano i diritti di tutti in privilegi e si ignorano le conseguenze devastanti dal punto di vista sociale che hanno i continui attacchi all'istruzione pubblica e aperta garantita dalla Costituzione! I soldi per costruire nuove strutture universitarie, per attivare i corsi e le specializzazioni di medicina ci sono: si sceglie di sprecarli per le scuole private e in un sistema d'istruzione sempre più chiuso. " 

Last modified on Venerdì, 07 Marzo 2014 19:02

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]