Venerdì, 11 Aprile 2014 13:55

Il voto delle donne sarà rosa?

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Il programma televisivo di maggior successo della Rai da alcuni anni  è  “L’eredità” ,  il cosiddetto pre-serale condotto da Carlo Conti  che va in  onda  dalle 19 alle 20, prima del Tg Uno. E’ quello di maggiore ascolto fra i tanti telequiz  ai quali la tv generalista, sia pubblica  che privata,  non può rinunciare se non vuole perdere  buona parte del suo pubblico più affezionato, quello anziano.  

Lo diciamo per chi non l’avesse mai visto: è  una gara ad eliminazione  fra un gruppo di concorrenti. L’eredità, da cui il titolo, è il gruzzolo in euro che ogni giocatore deve lasciare appunto in eredità ad un altro ogni volta che sbaglia una risposta a domande di cultura  generale. Un passaggio cruciale del gioco è quando un concorrente che ha sbagliato deve tentare di rivalersi su un altro “ puntando il dito”, come proclama il conduttore Conti, contro  un rivale. E  nella maggior parti dei casi la “vittima” predestinata è una donna. A puntarle il dito contro, chiamandola cioè ad una sfida che  potrebbe vederla soccombere, sono per lo più  i concorrenti maschi, i quali  (la cavalleria in tv non esiste!)  si guardano bene dal rispettare la femminilità e sfrontatamente  la costringono all’ennesimo duello. Ma non solo i maschietti: anche le concorrenti in gonnella quando si tratta di coinvolgere un altro concorrente preferiscono la bionda  o la bruna di turno. Il pensiero recondito dietro quella decisione è:  “Se non ce la faccio io  non devi farcela neppure tu”. E’ evidente:  all’”Eredità”  non c’è solidarietà fra donne. Ma dove sta, la solidarietà fra donne tanto  invocata o sbandierata dal femminismo  delle origini?  Manco in un telequiz!  L’osservazione non sembri  peregrina. 

 

Dal telequiz alla politica. Alle prossime elezioni europee, il Partito Democratico  presenterà  cinque donne a capo delle rispettive liste. Cinque capolista donne che hanno fatto arretrare di un passo altrettanti uomini già sicuri di essere loro i favoriti.  Ma non parliamo di loro, parliamo di donne:  Alessia Mosca,  38 anni, di Monza, capolista nella circoscrizione   Nord-ovest;  Alessandra Moretti, 40 anni, di Vicenza, capolista nel  Nord-est;  Simona Bonafè, 40 anni, di Varese, capolista al Centro; Pina Picierno, 32 anni, campana, capolista  per il Sud, Caterina Chinnici, 59 anni, palermitana,  figlia di Rocco Chinnici, il giudice ucciso dalla mafia nel 1983, capolista per le Isole. 

Il presidente del consiglio  Matteo   Renzi , che le ha scelte e imposte, ha detto di loro: ” Non sono bandierine, ma persone che per esperienza e storia personale possono dare un contributo all’Europa”.  

Resta da vedere se gli elettori le gratificheranno.  Il voto femminile non è  automaticamente femminista, e non soltanto nel telequiz della Rai. Non tutte le  elettrìci danno piena fiducia alle candidate. In Italia , le donne in politica non sono ancora una garanzia, soprattutto agli occhi delle italiane,  che nel segreto del seggio dimostrano di credere  più  nelle “monadi”  destra- sinistra, come una volta DC -PCI,  che nelle persone.  Negli uomini tanto tanto,  nelle donne davvero no. Il telequiz insegna. 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]