Lunedì, 28 Aprile 2014 16:36

Ipercolesterolemia, i farmaci biologici sono le prossime scommesse terapeutiche

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Il futuro per il trattamento dell’ipercolesterolemia? Sono i farmaci biologici. Si tratta di di anticorpi monoclonali, prodotti grazie a specifiche applicazioni genetiche, che vanno ad agire sulla proteina PC-SK9. Tale proteina inibisce la capacità del fegato di rimuovere il colesterolo LDL (chiamato 'cattivo') dal circolo sanguigno. Tale inibizione è alla base dell'innalzamento della colesterolemia. La proteina PC-SK9 agisce, infatti, bloccando i recettori LDL presenti sugli epatociti che hanno la funzione di captare le particelle di colesterolo e trasportarle all'interno della cellula, dove ha luogo la loro degradazione.

A spiegare l’importanza di questi nuovi farmaci è stato un articolo di Maria Rita Montebelli, pubblicato il 15 aprile scorso su La Repubblica. Il pezzo spiega i risultati di due recenti studi sperimentali su questa classe di farmaci, presentati al congresso dell'American College of Cardiology tenutosi a Washington poche settimane fa.

Come spiegato dal Dottor Peter Libby, professore di Medicina Cardiovascolare all'Università di Harvard, PC-SK9 è stata individuata come bersagio terapeutico nell'ambito di studi sull'ipercolesterolemia familiare.

Anche i farmaci 'tradizionali', ovvero le statine, agiscono a livello epatico inibendo un enzima necessario per la produzione d colesterolo. Purtroppo però, a causa di intolleranza o in presenza di situazioni gravi di ipercolesterolemia, questi farmaci non sono sufficienti. E' necessario, quindi, cercare nuove vie terapeutiche. Proprio per questa ragione sono stati realizzati gli studi Laplace-2 e Gauss-2.

Nello studio Laplace-2 è stato testato l'anticorpo monoclonale evolocumab rispetto al placebo mentre Gauss-2 si è occupato di confrontare evolocumab con ezetimibe, in pazienti con ipercolesterolemi alta e intolleranti alle statine.

Nello studio Gauss-2 si è ottenuta una riduzione del colesterolo LDL superiore del 38% nel gruppo trattato con l'inibitore di PC-SK9 rispetto al gruppo trattato con ezetimibe. Nel Laplace-2, invece, evelocumab ha portato ad un abbattimento dell'LDL fino al 75% dei valori iniziali, potenziando così l'attività delle statine.

Come spiegato dall'autrice dell'articolo ridurre il colesterolo è 'solo' un obiettivo intermedio di tali studi che mirano a sviluppare trattamenti in grado di proteggere i pazienti affetti da ipercolesterolemia da infarto e ictus. Evolocumab è anche al centro di un programma di studi, il Proficio, che coinvolgerà più di 30 mia pazienti in una ventina di trial clinici. Inoltre il mondo scientifico attende con ansia e grande aspettativa i risultati del trial Fourier, previsti per il 2018.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]