Venerdì, 30 Maggio 2014 15:14

India. Amnesty chiede indagine imparziale su stupro e uccisione delle due ragazzine

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - Amnesty International India ha dichiarato oggi che lo stupro di gruppo e l’uccisione di due ragazze dalit a Badaun, nello stato di Uttar Pradesh, e’ un macabro segnale della violenza che le donne e le ragazze dalit subiscono in tutto il paese.

Le due ragazze, di 14 e 16 anni, erano scomparse la notte del 27 maggio, dopo che erano uscite di casa per andare a fare i loro bisogni in un campo, non potendo avere altro accesso a una toilette. Il padre di una di loro aveva sollecitato la polizia locale a rintracciarle, ma l’agente di turno aveva rifiutato di registrare la denuncia e, anzi, aveva preso l’uomo a schiaffi. La mattina dopo, le due ragazze erano state trovate impiccate a un albero. Secondo l&# 8217;autopsia, erano state vittime di uno stupro di gruppo e poi strangolate. La polizia ha arrestato due uomini appartenenti a una casta superiore, sospettati di aver preso parte allo stupro di gruppo e al duplice omicidio, ed e’ alla ricerca di ulteriori sospetti. Un agente di polizia e’ stato sospeso per inosservanza del dovere e un altro e’ stato arrestato.

“Nonostante l’esistenza di garanzie a livello costituzionale e di leggi speciali, in tutta l’India i dalit, soprattutto le donne, sono sottoposti a molteplici livelli di discriminazione e violenza” – ha dichiarato Divya Iyer di Amnesty International India. “Gli appartenenti alle caste superiori us ano la violenza sessuale contro le donne e le ragazze dalit come strumento politico per punirle, umiliarle e riaffermare il loro potere”. 

Spesso, i reati contro i dalit non sono adeguatamente registrati ne’ indagati, le condanne sono scarse e si registra un forte arretrato di segnalazioni. La polizia collude coi criminali appartenenti alle caste superiori non registrando le denunce ne’ indagando. La mancanza di servizi igienico-sanitari in tutta l’India costituisce una grave minaccia per l’incolumita’ delle donne e delle ragazze, che sono obbligate a defecare all’aperto: una pratica (che riguarda oltre 600 milioni di persone, la meta’ della popolazione d ell’India) che le rende particolarmente esposte alla violenza.

L’India e’ obbligata, ai sensi del diritto internazionale, a prendere misure efficaci e adeguate per prevenire e punire tutte le forme di violenza sessuale e violenza di genere. Le autorita’ dell’Uttar Pradesh devono garantire indagini imparziali sullo stupro di gruppo e l’uccisione delle due ragazze dalit e portare rapidamente i responsabili di fronte alla giustizia, compresi eventuali funzionari di polizia che abbiano rifiutato di registrare denunce e svolgere indagini.

“Il nuovo governo indiano deve adottare provvedimenti immediati e di ampia portata per proteggere i diritti all’incolumita’ ; e alla dignita’ delle donne dalit e porre fine all’impunita’ per i reati commessi nei loro confronti” – ha concluso Iyer.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]