Venerdì, 17 Ottobre 2014 11:13

Salute. Direttore Ido, depressione c’è pure tra bambini e ragazzi

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - La depressione tra i giovani e' molto piu' diffusa di quello che si possa immaginare, ma e' mascherata da due fattori. Quali sono? "Il primo e' che inizialmente non crediamo mai che i bambini possano essere depressi, perche' questo ci colpisce molto; il secondo e' che le manifestazioni dei bambini vengono indicate come un problema, senza andare a cercare la causa reale che invece puo' essere sottostante.

Quindi si hanno tanti bambini diagnosticati per esempio come Adhd ('sindrome da deficit di attenzione e iperattivita''), quando invece la loro difficolta' di base e' proprio la depressione". Cosi' Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell'Istituto di Ortofonologia di Roma, a margine del convegno nazionale 'Depressione. Male oscuro della nostra societa': dai bisogni alla pratica clinica', che si e' svolto oggi presso l'auditorium del ministero della Salute.

Bullismo, alcol, problemi alimentari, cutting... sono tutti ricollegabili alla depressione giovanile? "Sicuramente fenomeni come il 'cutting'- risponde Bianchi di Castelbianco- che e' la nuova frontiera dell'autolesionismo giovanile, nascondono uno sfondo depressivo molto rilevante. I ragazzi si tagliano perche' il dolore gli da' una sensazione di vita, ma ovviamente stiamo parlando di altro. La depressione dei ragazzi- prosegue- acquista valore e criticita' nel tempo, cosi' il fatto di non potersene accorgere prima e' una complicazione molto grave".

   Secondo il direttore dell'Ido un altro problema e' la solitudine dei bambini, "che porta ad aggressivita' e violenza: distanze, i genitori dovrebbero rimediare non con farmaci, ma con una maggiore vicinanza ai figli". Maggiore vicinanza ma anche maggiore cultura psichiatrica: "Bisogna capire cosa c'e' realmente dietro i comportamenti e non spaventarsi se si usa la parola depressione- aggiunge- Semplicemente, insomma, bisogna tener conto di una situazione. Non esistono solo interventi farmacologici, ma anche interventi di tipo psicoterapico".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]