Martedì, 04 Novembre 2014 16:35

Fabiola Gianotti, un'italiana a capo del Cern

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

 

ROMA - Il nuovo direttore del Cern di Ginevra è una donna ed è italiana. L'incarico è stato affidato a Fabiola Gianotti, romana cinquantaduenne, dal 1987 operativa nel prestigioso laboratorio europeo. E' una delle protagoniste della scoperta del Bosone di Higgs ed è considerata una delle donne più influenti al mondo. Per la prima volta nei suoi 60 anni di storia il Cern è diretto da una donna.

Gianotti si è laureta in Fisica sub-nucleare all'Università degli studi di Milano. Nel 2012 la prestigiosa rivista Time  l'ha collocata in quinta posizione nella graduatoria di Persona dell'anno, mentre nel 2013 risultava  al settantottesimo posto nella lista delle 100 donne più potenti al mondo secondo la rivista Forbes.

Il presidente del consiglio Matteo Renzi ha telefonato a Fabiola Gianotti per congratularsi con lei, appena nominata direttore del Cern di Ginevra.

Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini esprime “massima soddisfazione per l’elezione, a larga maggioranza, di Fabiola Gianotti quale nuovo direttore generale del Cern”. Si tratta, spiega il ministro, “di un grande successo per la scienza italiana. Sono certa che Gianotti farà un ottimo lavoro. Le auguro- continua il ministro- ulteriori grandi successi, oltre a quelli che ha già ottenuto nella sua brillante carriera. L’alto profilo della nostra scienziata e la reputazione che ha saputo conquistarsi sono stati determinanti per la sua elezione. A tutto questo si è aggiunto il lavoro di squadra del ministero, della comunità scientifica italiana e del governo, a partire dalla giornata per i festeggiamenti dei 60 anni del Cern".

 

Last modified on Martedì, 04 Novembre 2014 16:39

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]