Giovedì, 13 Novembre 2014 13:52

Ricercatori contro le politiche dei tagli firmati Renzi e Madia

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Domani i ricercatori si sono dati appuntamento  a Roma sotto Ministero della Funzione Pubblica  dalle ore 10.30 per protestare contro i tagli alla ricerca.

"Renzi e Madia vogliono chiudere la Ricerca Pubblica, ormai è evidente”, esordisce  Cristiano Fiorentini, dell'Esecutivo Nazionale dell’USB P.I. “Questo è un Governo che ha sposato le politiche antipolari e antidemocratiche della UE e smantella tutto ciò che è pubblico, compresa la Ricerca".

"Dopo la riforma annunciata, stiamo assistendo ad una riforma di fatto della Ricerca Pubblica. Renzi - precisa Fiorentini - sta completando il lavoro iniziato da Berlusconi, a partire dal vecchio progetto di Sacconi di eliminare l'ISFOL, ente che controlla e vigila sule politiche del lavoro. Ma ad oggi in sofferenza ci sono tantissimi enti, come CRA, ISS, ISPRA, ENEA, soprattutto a causa della spending review che è intervenuta pesantemente sui già insufficienti bilanci degli enti pubblici di ricerca".

"Da anni l’USB sostiene la necessità di una riforma degli EPR, che affronti i temi del precariato, della governance, dei finanziamenti e dell'ordinamento. Con un piccolo investimento si potrebbe ottenere un grande risultato – evidenzia il dirigente USB – ma Renzi ha altri obbiettivi,  come ridurre ad agenzia gli enti cosiddetti strumentali, che svolgono anche importanti compiti di controllo, e regalare ai padroni gli enti più dedicati all'innovazione tecnologica, come CNR, INFN o INGV”.

"L’operazione del Governo produrrà una perdita del posto di lavoro per migliaia di lavoratori precari e di competenze e professionalità per il Paese. Noi intendiamo opporci a tutto questo e, dopo lo sciopero generale del 24 ottobre, chiamiamo alla mobilitazione tutti i lavoratori del settore, precari o di ruolo, invitandoli a partecipare alla giornata nazionale di lotta di  domani, 14 novembre, buttando davanti al Ministero gli strumenti di lavoro, come provette, microscopi e computer, e prendendo in mano gli attrezzi della protesta per dare vita a un cacerolazo sotto le finestre del Ministro Madia, la quale tanta visibilità ottenne sfruttando le lotte dei precari della Ricerca”, conclude Fiorentini.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]