Sabato, 10 Gennaio 2015 15:31

Strage Parigi. La scuola è un luogo di confronto multiculturale. Il Miur intervenga

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

La denuncia della Rete degli Studenti

ROMA - In questi giorni, in seguito al dramma di Parigi, si sono susseguite moltissime dichiarazione vergognose di esponenti della destra xenofoba e islamofoba. In particolare l’assessore all’istruzione Veneto Donazzan ha inviato una lettera a tutti i presidi in cui esplica le sue idee sull’integrazione.

“ Nella lettera inviata dall’assessore Donazzan si leggono paragrafi assurdi come questo: condannando fermamente senza se è senza ma, senza alibi ideologici o assoluzioni autoconsolatorie quanto accaduto ed una cultura che predica l’odio verso la nostra di cultura, la nostra mentalità, il nostro stile di vita fino ad arrivare all’estremo gesto terroristico”- dichiara Danilo Lampis Coordinatore dell’Unione degli Studenti “ insomma si parla di condannare non solo il gesto in se ma ma anche la cultura per intero senza distinzioni di fatto.”

“Riteniamo che la scuola debba essere un luogo laico di confronto, l’educazione dovrebbe essere multiculturale ed interculturale, ma per farlo è necessaria una rottura con quel modello di scuola escludente ed etnocentrico che oggi caratterizza i nostri programmi didattici.” – continua Lampis “Non possiamo che contrastare il modello proposto dalla Donazzan, ovvero “un’educazione collettiva” che mira a far crescere l’odio verso chi crede in un’altra religione o è semplicemente di una cultura diversa dalla propria. L’educazione collettiva di cui abbiamo realmente bisogno è quella capace di rispondere con  la valorizzazione positiva della diversità all’odio xenofobo che sta emergendo in Europa, a causa anche delle provocazioni di certi soggetti come l’assessore in questione.”

 “ Chiediamo pertanto che il Miur prenda una posizione di forte condanna a fronte di questo atto” conclude l’Unione degli Studenti “perché riteniamo inaccettabile che le nostre scuole siano foriere di una cultura razzista, islamofoba ed escludente. Le nostre scuole dovrebbero essere un luogo in cui i ragazzi vengono educati al rispetto, in cui non si insegna fin dal principio ad odiare il diverso ma bensì a rispettare le diversità.”

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]