Giovedì, 12 Febbraio 2015 10:51

SPAVOC ed EveryOne Group ottengono il rilascio di alcuni rifugiati LGBT arrestati ingiustamente in Kenya Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ST. PAUL'S BAY (MALTA) -  Il 7 febbraio 2015 la polizia di Kawangare, in Kenia, irrompeva in una riunione di profughi LGBT provenienti dall'Uganda, i quali erano stati ospitati da un attivista locale per discutere sui pericoli corsi da gay e lesbiche nei campi profughi del Kenia e contemporaneamente per celebrare la partenza imminente di uno di loro verso un paese terzo, dove si sarebbe finalmente sottratto alla discriminazione e alla persecuzione che aveva caratterizzato finora la sua giovane vita.

I rifugiati accolti dal Kenya sono costretti a vivere in aree sorvegliate dalle forze di polizia, dopo l'approvazione di una legge anti-terrorismo. Le forze dell'ordine erano state chiamate da alcuni vicini, che avevano notato l'arrivo dei partecipanti alla riunione e si erano insospettiti. L'attivista kenyota e i suoi ospiti venivano tratti in arresto e tenuti in custodia; in quelle ore uno di loro veniva picchiato con violenza. Alcuni amici dei profughi arrestati dalla polizia lanciavano un appello al St. Paul's Voice Centre di Kampala e ad EveryOne Group, che si attivavano immediatamente, scrivendo alle autorità keniote e ricordando loro le leggi che tutelano i rifugiati. Anche il blog internazionale Uganda Gay on Move diffondeva una nota che riassumeva e stigmatizzava l'evento. St. Paul's Voice Centre ed EveryOne Group chiedevano inoltre un intervento urgente all'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, scrivendo sia al suo rappresentante in Kenya, sia ad António Guterres, Alto Commissario attualmente in carica. Le due ong inviavano infine un appello urgente al Commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa Nils Muižnieks, al Parlamento e alla Commissione dell'Unione europea. I Commissari intervenivano rapidamente presso il governo del Kenya e i rifugiati venivano rilasciati. Il profugo sottoposto a percosse è stato ricoverato in ospedale. Il St. Paul's Voice Centre ed EveryOne Group ringraziano le istituzioni internazionali per il loro solerte e fondamentale intervento nonché il governo del Kenya per aver interrotto prontamente ogni forma di violazione dei diritti dei rifugiati presso la stazione di polizia di Kawangare.

 

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]