Giovedì, 19 Febbraio 2015 09:42

Guantanamo. Talebano australiano vince appello Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

SYDNEY - Un tribunale americano ha annullato la condanna per supporto materiale al terrorismo a carico di David Hicks, il 'talebano australianò detenuto e torturato a Guantanamo Bay dal 2002 al 2007.

Hicks, che ora ha 39 anni, si era dichiarato colpevole in un patteggiamento che gli permise di scontare in Australia gli ultimi sette mesi della condanna a sette anni, tenendo conto della detenzione a Guantanamo. La Corte di Revisione della Commissione Militare con un verdetto unanime ha revocato la condanna del marzo 2007, dichiarando che l'accusa non era per un crimine di guerra e non avrebbe dovuto essere trattata da un tribunale militare. La Corte ha cancellato così uno dei pochi successi nel perseguire detenuti di Guantanamo. Un portavoce del Pentagono ha dichiarato che gli Usa non presenteranno appello. Hicks ha sostenuto tramite i suoi legali che la sua dichiarazione di colpevolezza fu fornita sotto coercizione a causa della detenzione, delle torture e degli abusi fisici e psicologici subiti in oltre cinque anni a Guantanamo.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]