Martedì, 03 Marzo 2015 15:01

Cesvi in Tagikistan per ridurre la violenza contro le donne

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

“No More Violence” - Il Progetto di Cesvi in Tagikistan per ridurre la violenza contro le donne

ROMA - In occasione dell’8 marzo, Giornata Internazionale della donna, Cesvi ricorda il suo impegno a favore delle donne, che ha l’obiettivo di creare un ambiente socio-economico in grado di offrire alle donne una maggiore protezione, in tutto il mondo.

Nel distretto di Khovaling, nella regione di Khatlon, la zona sud occidentale del Tagikistan, Cesvi ha avviato il Progetto “No More Violence” per ridurre la violenza contro le donne, in particolare quella domestica.

Circa un terzo delle donne tagike, infatti, sono vittime di violenza fisica, psicologia o sessuale. Nella maggior parte dei casi i colpevoli sono gli ‘uomini di casa’: mariti, compagni, fidanzati, padri, o membri della famiglia di sesso maschile. Tuttavia, la maggior parte dei crimini di violenza domestica non viene denunciata, complici le norme sociali che regolano i rapporti di genere e di età: il comportamento dei responsabili tende ad essere giustificato dalla società e dalle vittime stesse.

“Essere donna, in molti Paesi del mondo, significa anche tutto questo. In Tagikistan, nello specifico, gli abusi ai danni del genere femminile rappresentano un fenomeno a tal punto diffuso e accettato che la metà delle donne tagike è convinta che la violenza di un marito contro la moglie possa essere tollerata. Di conseguenza, è difficile riconoscere come fattori di disuguaglianza quegli atteggiamenti che vengono taciuti e disconosciuti in quanto giustificati dalla consuetudine sociale” dichiara Giangi Milesi, Presidente Cesvi.

L’intervento di Cesvi, presente in Tagikistan dal 2001, punta sull’empowerment femminile, incoraggiando e sostenendo la creazione di microimprese gestite da donne. Si organizzano corsi di formazione specifici e training rivolti alle donne per migliorare le loro competenze in ambito gestionale e organizzativo. Inoltre, coinvolgendo le comunità e le istituzioni locali, Cesvi intende creare delle reti di sostegno per le donne vittime di violenza e costruire una strategia comune di risposta alla violenza domestica.

“La maggiore indipendenza economica delle donne coincide con una maggiore indipendenza dagli uomini della famiglia e quindi con maggiori probabilità di ribellarsi alle violenze subite. Noi di Cesvi crediamo, da sempre, che per cambiare le condizioni di vita delle donne sia necessario riconoscere il legame indissolubile fra il miglioramento della condizione femminile e la tutela dei diritti fondamentali” prosegue Milesi.

Cesvi (www.cesvi.org) è un'organizzazione umanitaria italiana laica e indipendente (Fondazione di partecipazione ONLUS), fondata nel 1985 a Bergamo. Opera in tutti i continenti per affrontare ogni tipo di emergenza e ricostruire la società civile dopo guerre e calamità. Realizza progetti di lotta alla povertà e iniziative di sviluppo sostenibile, facendo leva sulle risorse locali e sulla mobilitazione delle popolazioni beneficiarie.In Italia è stata la prima associazione premiata con l’Oscar di Bilancio per la sua trasparenza nel 2000, importante riconoscimento ottenuto per la seconda volta nel 2011.

Last modified on Martedì, 03 Marzo 2015 15:04

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]