Martedì, 03 Marzo 2015 15:37

Crisi. In Italia è allarme cibo per mezzo milione di bambini Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - In Italia 428.587 bambini con meno di 5 anni di età hanno chiesto aiuto per poter semplicemente bere il latte o mangiare ma all’ opposto c’è ne sono quasi 1/3 (30,8 per cento) che sono obesi o in sovrappeso.

E’ quanto emerge da analisi della Coldiretti in occasione della presentazione del "Piano nazionale  educazione alimentare scolastico" promosso da Alleanza contro la fame e la malnutrizione in Italia. La popolazione totale dei bambini senza una alimentazione adeguata - sottolinea la Coldiretti - è concentrata in prevalenza nell’Italia meridionale (149.002, pari al 35 per cento del numero complessivo di minori tra i 0 e i 5 anni bisognosi di aiuto) e nell’Italia Settentrionale (129.420 unità, pari al 30 per cento), sulla base della relazione sul 'Piano di distribuzione degli alimenti agli indigenti 2013 dell’Agea. Al contrario i bambini in sovrappeso sono il 20,9 per cento mentre quelli obesi sono il 9,8 per cento sulla base del campione - sottolinea la Coldiretti - di età compresa 8-9 anni nelle scuole primarie dell’indagine “Okkio alla Salute” promossa dal ministero della Salute. Si registra tuttavia una debole tendenza positiva con la riduzione del 5,2 per cento  in Italia il numero di bambini obesi o in sovrappeso dall’inizio della crisi. nel 2008 anche se i dati restano preoccupanti. A pesare sono le cattive abitudini con l'8 per cento dei bambini che salta la prima colazione e il 31 per cento che la fa non adeguata, ma anche con il 41 per cento che assume abitualmente bevande zuccherate e gassate mentre – continua la Coldiretti - solo il 25 per ceno dei genitori dichiara che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e verdura. La Coldiretti è impegnata nel progetto "Educazione alla Campagna Amica" che coinvolge oltre centomila alunni delle scuole elementari e medie in tutta Italia che partecipano ad oltre tremila lezioni in programma nelle fattorie didattiche e agli oltre cinquemila laboratori del gusto organizzati nelle aziende agricole e in classe. L'obiettivo - conclude la Coldiretti - è quello di formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell' agricoltura con i cibi consumati ogni giorno.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]