Sabato, 07 Marzo 2015 11:36

Scuola. L’Unione degli studenti presenta proposte alternative al governo Renzi Featured

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA -  Il 10 marzo, giorno in cui il Consiglio dei Ministri discuterà del ddl su La Buona Scuola, gli studenti dell'UdS presenteranno, presso la sala stampa della Camera dei Deputati in Via della Missione 4, "L’Altra Scuola: la L.I.P. e le scelte prioritarie per costruire una scuola giusta". La conferenza stampa si svolgerà dalle ore 11.30 alle ore 12.30.

"Vogliamo sfidare il Governo sul piano delle proposte perché le loro vanno fuori strada rispetto alle reali esigenze del Paese e delle componenti che animano i luoghi della formazione - dichiara Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell'Unione degli Studenti - Non ci limitiamo a richiedere il ritiro del progetto del Governo, ma vogliamo costruire un'altra idea di scuola cercando di aggregare attorno a questa il più vasto mondo di forze politiche, sociali e sindacali che non si riconoscono nell'idea di scuola del Governo. Stiamo già ottenendo un largo appoggio"

"Negli ultimi mesi di mobilitazione, nonostante i tentativi di delegittimazione da parte del Governo e di Dirigenti Scolastici particolarmente autoritari, abbiamo costruito un documento di priorità senza le quali pensiamo non si possa rilanciare la scuola pubblica italiana - continua Lampis - Abbiamo individuato sette capitoli di priorità per ripensare la scuola: un nuovo diritto allo studio col fine di raggiungere la piena gratuità dell'istruzione, un'alternanza scuola-lavoro finanziata e qualificata, finanziamenti per il rilancio dell'autonomia scolastica, una riforma della valutazione in chiave democratica, investimenti sostanziosi sull'edilizia scolastica; un ripensamento radicale dell'autonomia scolastica; una riforma dei cicli scolastici, dei programmi e della didattica"

"Chiediamo a gran voce che oltre alle priorità si ponga in discussione la Legge d'Iniziativa Popolare sulla scuola ripresentata ad agosto perché, se implementata, potrebbe costituire un grande punto di partenza per la definizione di una scuola inclusiva, laica e democratica - conclude l'UdS - Torneremo nelle piazze il 12 marzo anche per rivendicare nuove politiche sul lavoro e sul welfare. I decreti attuativi del Jobs Act precarizzano definitivamente il mondo del lavoro. E' necessario estendere i diritti ed introdurre un reddito per dare piena cittadinanza contro l'esclusione sociale."

L'UdS per il 12 marzo ha convocato una nuova giornata di mobilitazione nazionale studentesca con cortei e azioni in tante città italiane.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Intervista a Pier Francesco Geraci: Ratemeup il tool per valutare (bene) il tuo …

Come valutare se la vostra azienda sta sfruttando al massimo il potenziale del digital marketing? A rispondere è Pier Francesco Geraci, CEO di Traction, società leader nel performance marketing che lancia...

Giuseppe Giulio - avatar Giuseppe Giulio

Università Sapienza. Nasce Techne e la gestione diventa ISO 9001

Il Dipartimento di Chimica e Tecnologia del Farmaco, l’espressione di una eccellenza tra ricerca e didattica dal respiro internazionale 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]