Giovedì, 19 Marzo 2015 18:35

Sopprimere il corpo forestale dello Stato è un regalo alle ecomafie Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - La soppressione del Corpo Forestale dello Stato sarebbe un regalo alle ecomafie e alle agromafie che stanno distruggendo il paese.

Il Corpo Forestale dello Stato è la forza di polizia che maggiormente si occupa di ambiente e che ha raggiunto livelli di professionalità e specializzazione altissimi, come ha dimostrato l'impegno nella Terra dei Fuochi: disperdere questo patrimonio di competenze tecniche e investigative sarebbe un errore drammatico e imperdonabile anche in considerazione del fatto che i crimini contro l'ambiente rappresentano un'importantissima fonte di lucro per le organizzazioni criminali. 

Il Corpo Forestale dello Stato, inoltre, è impegnato nella difesa della biodiversità e nella protezione delle aree protette: cancellare la specificità e la vocazione ambientale di questa forza di polizia si tradurrebbe nell’abbandono dei territori più preziosi e necessari di tutela dell’Italia, ossia i Parchi nazionali. Rivolgiamo quindi un appello al governo e al parlamento affinché si cambi strada rispetto a una scelta che aprirebbe un’autostrada agli ecocriminali: invece di tagliare i corpi di polizia, ossia sulla sicurezza dei cittadini e dell'ambiente si taglino le grandi opere inutili che sono, come è ormai acclarato fonte di corruzione e spreco di denaro pubblico.

Angelo Bonelli

Presidente della Federazione dei Verdi

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]