Giovedì, 09 Aprile 2015 19:27

Crisi, suicidi raddoppiati tra 2012-2014, lo Stato agisca Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - La crisi economica continua a mietere vittime, a provocare disagio e disperazione. A dirlo è uno studio di Link Lab,il Laboratorio di Ricerca Socio-Economica dell'Università degli Studi Link Campus University, che da anni monitora la situazione.

Tra il 2012 e il 2014 i suicidi risultano pressoché raddoppiati, infatti sono 439 le persone che si sono tolte la vita per motivi economici. Quasi la metà, ovvero il  45% sono imprenditori e il 42% disoccupati. Il picco massimo è stato raggiunto nel 2° trimestre del 2014.  Raddoppiato rispetto al 2012 anche il numero dei tentati suicidi.Una leggera inversione di rotta si registra solo negli ultimi mesi dello scorso anno.

Dopo sette anni di crisi "è come una pentola a pressione che è scoppiata: è vero, ci sono segnali di ripresa ma in questi anni si è accumulata troppa tensione e ora emergono i primi segnali". Così Nicola Ferrigni, docente di Sociologia della Link Campus University e direttore di Link Lab, autore dello studio sui suicidi per crisi economica. E poi "C'è una tensione latente ancora alta", -  aggiunge Ferrigni, -  ricordando l'incremento dei casi di 'suicidio economico': "Siamo passati dagli 89 del 2012 ai 209 del 2014, e va tenuto conto che si tratta solo di casi di suicidio 'verificati'. C'è poi anche un alto numero di morti 'oscure', che non vengono classificate come suicidi ma che sarebbero legate alla crisi economica". "Il dato che sorprende - osserva ancora Ferrigni - è che il fenomeno è ormai trasversale a livello geografico: un tempo il picco era nel NordEst, oggi invece al Sud, al Centro e al Nord le percentuali sono le stesse. E se un tempo il fenomeno riguardava praticamente solo gli imprenditori oggi quasi la metà dei suicidi sono di lavoratori".

A far scoppiare questa 'pentola a pressione' - spiega infine Ferrigni - "c'è un livello di pressione fiscale elevatissima, ma anche la lentezza sia delle procedure fallimentari che nella riscossione del credito". Una lentezza della giustizia che - conclude - "è una macchia nera che grava da sempre sull'Italia, e ora, come sul fronte della pressione fiscale, bisogna davvero che lo Stato faccia qualcosa".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]