Mercoledì, 27 Maggio 2015 14:20

Rapporto Ocse: “Giovani senza futuro a causa di precise scelte politiche” Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Pubblicato oggi il rapporto OCSE su giovani e occupazione, Italia penultima per occupazione giovanile e all’ultimo posto per competenze in lettura e matematica. I dati confermano ancora una volta un quadro desolante che certifica l’incapacità del nostro Paese di costruire opportunità alle nuove generazioni



ROMA - “I giovani del nostro Paese risultano senza futuro a causa di precise scelte politiche, caratterizzate da anni di austerità e di assenza di politiche espansive, che hanno esasperato la forbice fra i redditi e le disuguaglianze in termini di accesso a formazione e cultura e di opportunità lavorative, come testimoniano il crollo di 12 punti percentuali dell’occupazione dei giovani tra i 15 e i 29 anni fra il 2007 e il 2013 e la cifra record del 26% di Neet sotto i 30 anni.” -  dichiara Riccardo Laterza, Portavoce nazionale della Rete della Conoscenza - “Credere ancora che questa situazione possa essere rovesciata smantellando diritti e tutele del lavoro, come è stato fatto con il Jobs Act, è pura ideologia di una classe dirigente politica ed economica che mira a una svalutazione competititva del costo del lavoro e non a un innalzamento complessivo delle condizioni culturali e materiali della popolazione”

“Il mismatch fra competenze e offerta di occupazione non è frutto di una formazione non all’altezza delle esigenze delle imprese, visto che il 31,6% dei giovani svolge lavori di routine che non richiedono competenze specifiche, ma al contrario di un mercato del lavoro che punta su manodopera a basso costo, dequalificata e altamente ricattabile, anziché investire in competenze e innovazione” dichiara Alberto Campailla, Portavoce nazionale di Link-Coordinamento Universitario - “Il Governo vuole iniziare a discutere di Buona Università? Partiamo dalla necessità di aumentare il tasso di laureati, arrivando almeno a triplicare le attuali risorse sul diritto allo studio, non dalla subordinazione dell’Università alle imprese o dalla divisione in atenei di serie A e serie B aggravando le disuguaglianze.

“L’Italia è all’ultimo posto per competenze matematiche di lettura, mentre il 17% dei giovani fra i 16 e i 18 anni vivono sotto la soglia di povertà: a maggior ragione continueremo a mobiltarci nelle prossime settimane contro il cosiddetto ddl Buona Scuola,” - conclude Danilo Lampis, Coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti - “per chiedere con forza diritto allo studio e reddito di formazione contro la dispersione scolastica, garantendo a tutti l’accesso all’istruzione, e una strategia nazionale per il LifeLong Learning, il reinserimento nei cicli formativi e la formazione professionale per trasformare radicalmente la condizione di una generazione immersa in un mercato del lavoro a basse competenze e ad alto tasso di precarietà”

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]