Venerdì, 19 Giugno 2015 11:20

Pakistan: 180 impiccati in sei mesi Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ISLAMABAD - Il Pakistan ha messo a morte in sei mesi 180 condannati alla pena capitale, ma in occasione del mese santo del Ramadan le esecuzioni sono sospese per ordine del governo.

Lo scrive oggi The Express Tribune. Dopo un cruento attacco in dicembre ad una scuola pubblica di Peshawar gestita dall'esercito, durante cui il Tehrek-e-Taliban Pakistan (TTP) ha ucciso oltre 140 persone, per lo più studenti, il premier Nawaz Sharif ha revocato la moratoria sulle esecuzioni delle pene di morte che era stata introdotta nel 2008. Fra le province nelle cui prigioni sono state eseguite le condanne, il Punjab ha fatto la parte del leone (153), seguito da Sindh (15), Khyber Pakhtunkhwa (5), Baluchistan (5) e Azad Kashmir (2). Nei 'bracci della morte' delle carceri pachistane vi sono circa 8.000 persone condannate a morte. La revoca della moratoria sulla esecuzione delle condanne è stata criticata da vari Stati, dall'Onu, dalla Ue e da numerose ong internazionali.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]