Venerdì, 17 Luglio 2015 13:29

Familiari di vittime di mafia: “Solidarietà a Lucia Borsellino. Crocetta si dimetta!” Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

PALERMO - Apprendiamo con sdegno le incredibili e vergognose parole che, stando a quanto riferito da l’Espresso,  Matteo Tutino, primario dell’ospedale palermitano Villa Sofia, nonché medico personale di Rosario Crocetta, avrebbe pronunciato nel corso di una conversazione telefonica con il governatore della Sicilia”.

E’ il  commento di Giuseppe Ciminnisi, Coordinatore nazionale dei familiari di vittime di mafia dell’associazione “I Cittadini contro le mafie e la corruzione”.

“Il riferirsi a Lucia Borsellino, figlia del giudice Paolo Borsellino ucciso dalla mafia in una strage nella quale morirono anche gli uomini della sua scorta, affermando, così come riportato dalla rivista, “va fatta fuori. Come suo padre”, non rappresenta un’offesa soltanto per la figlia del giudice ma per tutto il popolo siciliano e in particolare per quanti, purtroppo, hanno vissuto drammi analoghi a quelli patiti dalla famiglia Borsellino. In più - continua la nota -  circostanze abbiamo denunciato come una certa antimafia sia ormai più avvezza a sterili passerelle di facciata che non al vero contrasto del fenomeno criminale e alla vicinanza di chi la brutalità della mafia l’ha vissuta sulla propria pelle e su quella dei propri cari.

Nel condividere e fare nostra la scelta di Lucia Borsellino di non partecipare alle cerimonie per la commemorazione della strage di via d'Amelio, in segno di dissenso nei riguardi di una certa antimafia, nell'assoluto rispetto delle indagini dell'autorità giudiziaria e in attesa di maggiori chiarimenti in merito all’accaduto, sentiamo l’obbligo di ricordare come già da tempo, fin dall’insediamento di Crocetta dopo le elezioni, nonostante le innumerevoli richieste da parte di noi familiari di vittime di mafia a volerlo incontrare, - prosegue Ciminnisi -  lo stesso abbia da sempre ignorato le nostre istanze preferendo al nostro dolore ben diverso genere di manifestazioni.”

!Riteniamo - conclude la nota -  sia giunto il momento di rivedere il concetto stesso della parola “antimafia” che non può essere limitato a passerelle di facciata e inutili parole. Crocetta, a prescindere da questa vergognosa conversazione rispetto la quale si deve ancora far chiarezza,  farebbe bene a riflettere sugli errori commessi e rassegnare le proprie dimissioni, nel rispetto delle tante vittime della mafia e di chi ancora crede nella legalità e in un’antimafia reale e fattiva.”

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]