Venerdì, 31 Luglio 2015 15:54

Greenpeace Usa. Obama revochi licenze Shell in Alaska Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA -  "Sono stati due giorni molto emozionanti per tutti noi, così come per gli oltre sette milioni di persone che hanno già aderito al nostro appello per salvare l'Artico. «Con le nostre azioni non violente vogliamo contribuire a far crescere sempre più il movimento globale in difesa dell'Artico.

Trivellare in cerca di petrolio in quest'area così importante e meravigliosa sarebbe un terribile errore, per questo chiediamo al Presidente Obama di ripensarci e di revocare le licenze della Shell nell'Artico. Ascolti quei sette milioni di persone che in tutto il mondo, con un'unica voce, hanno gridato e continueranno a gridare: ShellNo!". Così Annie Leonard, direttore esecutivo di Greenpeace Usa.

È, infatti, terminata dopo oltre 40 ore la protesta non violenta dei 26 climber di Greenpeace Usa che il 29 luglio si erano calati con delle funi da un ponte di Portland (Oregon) sotto cui doveva passare MSV Fennica, una nave rompighiaccio della Shell, in procinto di salpare verso l''Artico. Per quasi due giorni gli attivisti hanno impedito che la nave lasciasse il porto statunitense per raggiungere la flotta di trivellazione artica della compagnia petrolifera anglo-olandese.

Ieri un giudice federale dell'Alaska aveva ordinato a Greenpeace Usa di interrompere il blocco e far scendere i climber appesi al ponte, minacciando multe dal valore crescente, che nel giro di qualche giorno sarebbero passate da 2500 a 10 mila dollari per ogni ora di blocco. Gli attivisti hanno resistito per oltre 40 ore e sono scesi spontaneamente solo all'arrivo sul ponte delle autorità’’.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]