Giovedì, 24 Settembre 2015 09:10

Unicef, Djokovic tra i bambini rifugiati e migranti in Serbia Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Novak Djokovic, Goodwill Ambassador dell'Unicef ha visitato uno spazio a misura di bambino sostenuto dall'Unicef a Belgrado e ha incontrato alcuni dei bambini rifugiati e migranti che hanno attraversato la Repubblica di Serbia nel loro cammino verso l'Europa occidentale.

E' rimasto profondamente colpito dalla situazione dei bambini, che costituiscono quasi un terzo della popolazione di rifugiati e migranti, la maggior parte in fuga dalla violenza in Siria, Afghanistan e Iraq."Questi bambini hanno viaggiato con le loro famiglie per giorni, sopportando un fortissimo caldo, così come notti umide e fredde. Sono fisicamente esausti e psicologicamente traumatizzati", ha dichiarato Djokovic. "Gli spazi a misura di bambino che l'Unicef ha realizzato danno loro un posto sicuro per riposare, giocare e ricevere supporto psicosociale da professionisti qualificati."Dall'inizio dell'anno, in Serbia 129.947 persone sono stati registrate come richiedenti asilo. Secondo le stime dell'UNHCR, almeno lo stesso numero di persone ha attraversato la Serbia senza registrazione. L'Unicef ha istituito due spazi a misura di bambino,equipaggiati con materiale didattico e giocattoli; uno nel comune di Presevo vicino alla confine con la Repubblica Ex Jugoslava di Macedonia e il secondo nella capitale Belgrado. In ciascuno di questi spazi, fino a 50 bambini per volta possono giocare e ricevere supporto psicosociale.

Quasi 1.100 bambini, la maggior parte tra i 6 ei 10 anni, hanno finora riposato e giocato in questi spazi sicuri. In risposta all'attuale crisi, l'Unicef Serbia ha aumentato gli operatori sociali a Presevo e a Belgrado per individuare i bambini più vulnerabili e le famiglie e dare loro un sostegno adeguato. Gli operatori Unicef contribuiscono inoltre a sviluppare procedure standard in caso in cui viene identificato un minore non accompagnato. A Presevo e Belgrado sono stati allestiti due angoli, dove le madri che allattano possono continuare a farlo e ricevere informazioni sanitarie. Circa 200 neonati e bambini saranno alimentati in questi spazi, dove sarà monitorato il loro stato nutrizionale.Per proteggere i migranti e rifugiati , l'Unicef ei suoi partner stanno dando le informazioni sulle mine antiuomo, visto che molte famiglie sono ora in viaggio attraverso la Croazia,dove ci sono ancora mine e ordigni inesplosi lasciati dai recenti conflitti. "I bambini rifugiati e migranti devono essere adeguatamente protetti in linea con la Convenzione sui diritti del bambino", ha detto Djokovic. "Questi e molti altri bambini rifugiati e migranti in Europa vivono in condizioni inadeguate. Molti dormono fuori, all'aria aperta. E con l'avvicinarsi dell'inverno, la salute dei bambini è particolarmente a rischio". Ha poi aggiunto: "E' chiaro che il modo migliore per aiutare questi bambini disperati è un'azione coordinata per affrontare le cause profonde di queste grandi spostamenti - attraverso sforzi diplomatici più vigorosi che pongano fine ai conflitti, e portando aiuti umanitari e programmi di sviluppo nei paesi di origine".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]