Domenica, 01 Novembre 2015 17:09

Mandel’štam, la repressione dei poeti e l’Expo di Milano Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

MILANO - La poesia di Osip Ėmil’evič Mandel’štam (Varsavia, 15 gennaio 1891 -Vladivostok, 27 dicembre 1938) è un miracolo.

E’ un miracolo per la sua bellezza, per la sua formidabile energia letteraria e civile, per il suo coraggio di opporsi alla dittatura dei potenti. E’ un miracolo perché, cancellata dalla memoria russa - insieme alla vita del poeta - dal regime di Stalin, si è in parte salvata grazie alla capacità mnemonica della moglie Nadezda che la conservò per i posteri. Mandel’štam non fu perseguitato solo perché si oppose a Stalin: nato in una famiglia ebraica di Varsavia, a soli vent’anni fu costretto a convertirsi al cristianesimo metodista per iscriversi all’università, interdetta agli ebrei. La sua poesia è una luce nell’oscurità che avvolge ancora la civiltà. Senza spostarci con la mente nei paesi in cui il concetto di libertà è una chimera, se pensiamo che all’Expo di Milano 2015 numerosi attivisti, poeti e artisti sono stati bollati - e pubblicamente additati - dal governo italiano come “persone sgradite alle istituzioni” a causa del loro impegno umanitario e civile (fra di esse Dario Picciau e io), non possiamo non renderci conto di come la libera espressione degli scrittori, dei poeti e degli artisti sia l’ultima, fragile garanzia per la libertà di tutti. Je suis Mandel’štam! 

Frammento dalle poesie distrutte

di Osip Ėmil’evič Mandel’štam (trad. di Roberto Malini)

Non scrivo con il sangue tabacco del crepuscolo,

la ragazza non lavora all’uncinetto,

l’umana bocca ardente dalla tragica piega

sdegnata dice: no!

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]