Giovedì, 26 Novembre 2015 12:18

COP21, la sfida è contrastare il cambiamento climatico

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

PARIGI - Sta per partire COP21 l’attesa conferenza delle Nazioni Unite sul Clima, in programma a Parigi da fine novembre all'11 dicembre.

Un evento atteso sul quale molti puntano come ultima spiaggia per  discutere e trovare una soluzione fattiva al cambiamento climatico in atto, che non solo minaccia le nostre società e le nostre economie, ma la sopravvivvenza. La conferenza è chiamata dunque a portare all'adozione di un accordo universale valido che disegni il quadro di transizione verso società ed economie decarbonizzate e capaci di affrontare i cambiamenti climatici, sempre più pressanti e con effetti spesso dirompenti e imprevedibili. Sono già 196 i firmatari (195 Stati più l'Unione europea) della cosiddetta Conferenza delle Parti, la COP appunto, chiamati a raccolta stavolta a Parigi, nell'area aeroportuale di Le Bourget famosa per ospitare uno dei principali saloni aeronautici mondiali. 

Alla Francia, padrona di casa, spetta la responsabilità di facilitare i dibattiti tra paesi e assicurare un funzionamento trasparente e inclusivo del processo di negoziato per favorire l'adozione di un accordo.Ovviamente dopo i tragici fatti di Parigi, sarà una COP blindata in termini di sicurezza, soprattutto molto meno aperta a manifestazioni ed eventi esterni ai lavori propri della conferenza. Ma questo nulla toglie alla portata, per l'umanità, dei risultati attesi.L'obiettivo è chiudere con un accordo (attraverso una nuova formula diversa da Tokyo e soprattutton da Copenaghen, che fu un fallimento) di gestione efficace degli impegni di riduzione delle emissioni di CO2 che i singoli Paesi prendono, con il necessario trasferimento di tecnologie dai Paesi sviluppati a quelli in via di sviluppo assicurato da un fondo già prestabilito.Dal punto di vista scientifico, l'imperativo di fondo è quello di mantenere il riscaldamento climatico sotto la soglia dei 2°C rispetto all'era preindustriale (1850 circa). Il futuro accordo internazionale dovrà prima trattare, in modo equilibrato, dell'attenuazione - ovvero degli sforzi di basse emissioni di gas serra - e di adattamento delle società ai cambiamenti climatici già esistenti.Come detto, a monte della COP21, con la nuova formula ogni Paese ha pubblicato o sta pubblicando il proprio contributo nazionale che presenta gli sforzi che si impegna a realizzare. Altro obiettivo che la COP di Parigi dovrà raggiungere è la mobilitazione di 100 miliardi di dollari per anno (circa 78 miliardi d'euro) da parte degli Stati, delle organizzazioni internazionali e del settore privato a cominciare dal 2020.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]