Giovedì, 26 Novembre 2015 12:30

Istat: italiani in fuga all’estero più che raddoppiati in 5 anni

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Ancora drammatici dati che cozzano con i proclami del governo, in cui spesso si vuol far credere che tutto vada bene.

La realtà è che l’Italia è diventato un Paese difficile per questo molti italiani fuggono come fa sapere l'Istat: negli ultimi 5 anni, infatti, le emigrazioni sono piu' che raddoppiate, passando da 67 mila a 136 mila unita'. Il saldo migratorio netto con l'estero, pari come detto a 141 mila unita', registra il valore piu' basso degli ultimi otto anni. L'elemento sostanziale di diversita' rispetto al recente passato non e' rappresentato dai soli effetti negativi della de-natalita', ma anche dalla perdita' di attrattivita' del Paese nei confronti dei migranti internazionali. Le immigrazioni negli ultimi cinque anni si sono ridotte del 38%, passando da 448 mila unita' del 2010 a 278 mila nel 2014. Sono dati del rapporto Istat su "Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente". Il numero dei connazionali che decidono di trasferirsi in un Paese estero cresce dell'8,2% rispetto al 2013 ed e' piu' che raddoppiato rispetto a cinque anni prima. Tale incremento, congiuntamente alla contrazione degli ingressi (che ammontano a 29 mila, 3% in meno del 2013), produce nel 2014 un saldo migratorio negativo, dei soli cittadini italiani, di ben 60 mila unita'. 

I principali Paesi di destinazione per i cittadini italiani sono quelli dell'Europa occidentale: Germania (14 mila emigrati), Regno Unito (13 mila), Svizzera (10 mila) e Francia (8 mila) ne accolgono, nel loro insieme, piu' della meta'. I connazionali che decidono di tornare in Italia sono in numero molto inferiore a quello degli emigranti: i principali Paesi da cui provengono i rientri sono la Germania, con circa 4 mila, la Svizzera, il Regno Unito e gli Stati Uniti, con oltre 2 mila. In rapporto al numero di residenti, le province da cui hanno origine i piu' rilevanti flussi in uscita di italiani sono prevalentemente quelle siciliane e quelle al confine nord del Paese. Tra le prime si segnalano, in particolare, le province di Agrigento, Enna e Palermo dove si riscontrano, rispettivamente, tassi di emigratorieta' del 2,6, del 2,5 e del 2,4 per mille abitanti. Nelle zone di confine, dove maggiori sono le possibilita' di espatrio a corto raggio, si contraddistinguono le province di Imperia (3,5 per mille), Bolzano (3 per mille) e Trieste (2,9 per mille). Degli oltre 136 mila cancellati per l'estero nel 2014 il 53,2% e' rappresentato da uomini, il che comporta che per ogni 100 emigrate all'estero vi siano 114 emigrati. Nei flussi in ingresso, invece, il rapporto uomo/donna mostra un sostanziale equilibrio: su complessivi 278 mila iscritti il 50,1% e' di genere maschile.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]