Mercoledì, 02 Dicembre 2015 15:29

Istat, l'abusivismo edilizio un vero dramma italiano

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Il crollo del settore delle costruzioni ha ridimensionato la pressione dell'edilizia sul territorio, mentre l'ultimo Censimento registra, per la prima volta dal 1970, una battuta d'arresto nella perdita di superficie agricola utilizzata (Sau).

Allo stesso tempo emergono altre minacce, legate proprio all'evoluzione dell'agricoltura - dall'accelerazione delle dinamiche di abbandono delle colture nelle aree interne all'espansione delle monocolture industrializzate - che sollecitano una nuova politica forestale e misure specifiche per la tutela dei paesaggi rurali. Lo scrive l'Istat nella terza edizione del "Rapporto sul Benessere Equo e Sostenibile (Bes 2015)".Secondo il dossier perdurano forti disuguaglianze regionali nella tutela dei beni comuni, e in particolare del territorio, mentre un altro effetto della crisi è la sopravvivenza dell'abusivismo edilizio, in proporzioni senza riscontro nelle altre economie avanzate. Nel 2014 ogni 100 costruzioni autorizzate ne sono state realizzate 17,6 abusive in tutta Italia, e più di 40 nel Mezzogiorno. La spesa dei comuni per la gestione del patrimonio culturale è di 10,1 euro pro-capite a livello nazionale nel 2013, nel Mezzogiorno scende a 4,3.Alla crisi si collega anche una forte contrazione degli investimenti nella tutela e nella valorizzazione del patrimonio culturale. Nonostante la tenuta complessiva della spesa pubblica, va ricordato che gli attuali livelli di investimento sono inadeguati in rapporto all'eccezionalità del patrimonio culturale italiano e alla media dei paesi europei: l'Italia spende lo 0,3% del Pil, contro lo 0,8% della Francia e lo 0,5% della media Ue.

Continua a crescere la quota delle persone che esprimono un giudizio fortemente negativo sul paesaggio del luogo di vita (da 18,3% del 2012 a 20,1% del 2014) - segno di un deterioramento dei paesaggi urbani che si associa, soprattutto nel Mezzogiorno, all'inconsistenza delle politiche di recupero e riqualificazione dei centri storici. Tali politiche, d'altro canto, si dimostrano finalmente efficaci in gran parte del Paese: nel 2011, il 61,2% degli edifici costruiti prima del 1919 e rilevati nel 2001 sono in ottimo o buono stato di conservazione.L'indice composito per il paesaggio e il patrimonio culturale (composto da: spesa pubblica comunale corrente destinata alla gestione del patrimonio culturale; indice di abusivismo edilizio; erosione dello spazio rurale da dispersione urbana; erosione dello spazio rurale da abbandono e consistenza del tessuto urbano storico) mostra un peggioramento non drammatico ma generalizzato in tutte le ripartizioni. Fatto pari a 100 il valore Italia nel 2001, l'indice scende a 98,4 nel 2011.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]