Venerdì, 08 Gennaio 2016 11:08

Denuncia studenti: Contributi volontari come “tassa obbligatoria”

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Partono il prossimo 22 gennaio le iscrizioni scolastiche, come annuncia il Miur.

Tuttavia con i tagli che negli anni si sono abbattuti sulle scuole si è sempre più registrato l'aumento e la diffusione del contributo scolastico volontario, una elargizione economica che si è però tramutata in una vera e propria “tassa” spesso e volentieri imposta da presidi e professori autoritari anche con il ricatto. In numerosi istituti negli anni passati abbiamo registrato casi di scuole che volevano negare agli studenti dalle pagelle, ai libretti delle giustifiche, sino alla negazione dell'accesso alle attività laboratoriali o alle gite scolastiche.

Un vero sorpruso per un Paese che si ritiene civile. Per questo gli studenti hanno aperto un vero e proprio sportello di assistenza, come spiega Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell'Unione degli Studenti : 

“Abbiamo aperto uno sportello di assistenza per gli studenti che non vogliono o non possono pagare il contributo volontario e solleciteremo il MIUR e gli USR per prendere posizione come in altri anni sul reale funzionamento del contributo. Non vogliamo che dal 22 gennaio inizi un nuovo salasso ai danni delle famiglie”.

”Il contributo volontario si è trasformato in una sorta di tassa informale per le scuole pubbliche che viene imposta agli studenti da presidi e docenti autoritari. Il Governo Renzi non risponde a questa drammatica situazione. La legge 107 non ha previsto un solo euro per il diritto allo studio. Linea confermata dalla legge di stabilità 2016, che addirittura agevola le scuole private con ben 497 milioni di euro."

“Con questa campagna vogliamo denunciare che la scuola pubblica non può funzionare in questo modo, sostentandosi grazie a queste tasse informali salatissime che nessuno si può permettere." - denuncia Lampis -. "L’istruzione pubblica oggi è de facto privatizzata, poiché per accedervisi i costi sono sempre più elevati e in futuro dovrà appoggiarsi anche sulla benificenza dei finanziamenti privati tramite lo school bonus, cosa che riprodurrà disuguaglianze e metterà a seria prova l'indipendenza delle scuole. Stiamo giungendo ad un punto di non ritorno che mette a serio rischio il carattere pubblico dell'istruzione e la sua capacità di includere le fasce sociali più deboli. Non permetteremo che studenti vengano minacciati o subiscano ritorsioni per non aver voluto o potuto pagare il contributo “volontario”. L’istruzione pubblica e il diritto alla studio vanno rifinanziati e non si possono continuare a coprire anni di tagli con contributi imposti alle famiglie o con finanziamenti privati. Vogliamo un'istruzione pubblica, gratuita e di qualità per tutte e tutti!

"L'Unione degli Studenti ha prodotto una guida informativa al contributo e alle tasse, un modulo precompilato per tutti coloro che non vogliono pagare il contributo, un form di raccolta delle denunce, dei materiali grafici da diffondere nelle scuole, una pagina "spotted" e un gruppo facebook di confronto. Per ulteriori domande si può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiamare allo 06/69770332 o al 3401653203", conclude il sindacato studentesco.

Last modified on Venerdì, 08 Gennaio 2016 15:48

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]