Sabato, 09 Gennaio 2016 17:25

Bolzaneto. L'Italia propone conciliazione a Strasburgo: 45mila euro di risarcimento Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

GENOVA - Un risarcimento di 45 mila euro per danni morali per chiudere la partita dei ricorsi alla Corte europea dei diritti dell'Uomo di Strasburgo a cui si sono rivolti i manifestanti vittime di violenze nella caserma di Bolzaneto nei giorni del G8 del 2001, contestando la mancata sanzione penale e disciplinare nei confronti dei responsabili delle violenze.

A proporre la 'conciliazione amichevole', procedura prevista dal regolamento della Corte, è stato il ministero degli Esteri con una lettera indirizzata alla seconda sezione della Cedu, che a sua volta l'ha trasmessa ai ricorrenti. Nella missiva, inviata lo scorso 1ø dicembre, il governo sottolinea di non voler in nessun modo sminuire la "serietà e l'importanza degli episodi che si sono verificati nella caserma di Bolzaneto" e riconosce che "i gravi e deplorevoli crimini commessi dagli agenti di polizia costituiscono dei crimini" a cui "lo Stato italiano ha reagito in modo adeguato".

La proposta ha l'obiettivo di chiudere il primo dei due ricorsi collettivi presentati contro il governo italiano per violazione dell'art. 3 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo che proibisce la tortura e impone una sanzione effettiva per i responsabili. La cifra offerta è la stessa sancita dalla prima sentenza di condanna del nostro Paese ottenuta ad aprile di quest'anno da Arnaldo Cestaro, picchiato dalla polizia all'interno della scuola Diaz. Anche se, secondo quanto appreso, una cospicua parte dei ricorrenti ha già comunicato ai propri avvocati l'intenzione di rifiutare la conciliazione e procedere con il ricorso per arrivare a sentenza. Oltre a questo primo ricorso che riunisce 31 vittime di Bolzaneto, davanti alla Corte di Strasburgo ne pende un secondo, presentato da altri 32 manifestanti. Per quanto riguarda la scuola Diaz, oltre Cestaro che aveva presentato un ricorso a sé già arrivato a sentenza, pende un secondo ricorso presentato da 40 manifestanti. Nelle sentenze che hanno chiuso i processi i tribunali italiani hanno qualificato in entrambi i casi le violenze commesse come "tortura", ma lo specifico reato non e' mai stato introdotto nell'ordinamento italiano, con la conseguenza che i responsabili non sono stati condannati penalmente a causa della prescrizione, dato che il reato di lesioni, l'unico previsto per violenze di questo tipo, si prescrive in 7 anni e mezzo. Non a caso nella sentenza 'Cestaro contro Italia' del 7 aprile 2015 la Corte europea sottolinea come "la legislazione penale italiana si è rivelata inadeguata rispetto all'esigenza di sanzionare i reati di tortura e priva dell'effetto dissuasivo necessario per prevenire altre violazioni simili in futuro".

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Opinioni

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Covid-19: accordo tra Takis e Rottapharm Biotech sullo sviluppo del vaccino

Aurisicchio Ad Takis: “Un’opportunità sinergica e nuovi stimoli”. Lucio Rovati, Presidente e Direttore Scientifico di Rottapharm Biotech; “non solo i capitali per la prima fase di sperimentazione, ma soprattutto il...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]