Lunedì, 25 Gennaio 2016 10:41

Moda, sostanze pericolose in maggiori marchi settore outdoor

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

La denuncia di Greenpeace

ROMA -  Sostanze chimiche pericolose e persistenti, dannose per la salute e l'ambiente, sono state trovate nei prodotti dei maggiori marchi del settore outdoor. La denuncia arriva dal rapporto 'Tracce nascoste nell'outdoor' presentato oggi da Greenpeace. Marchi come The North Face, Patagonia, Mammut, Salewa e Columbia continuano a usare Pfc per impermeabilizzare i loro prodotti nonostante si dichiarino a parole sostenibili e amanti della natura, sottolinea l'organizzazione ambientalista. Greenpeace ha analizzato 40 prodotti, votati nei mesi scorsi dagli appassionati di tutto il mondo sul sito web dedicato, trovando Pfc non solo nell'abbigliamento, ma anche in scarpe, tende, zaini, corde e perfino sacchi a pelo. Solo in 4 prodotti (il 10%) non sono stati rilevati Pfc. "Abbiamo trovato elevate concentrazioni di Pfoa, un Pfc a catena lunga collegato a numerose patologie e malattie gravi come il cancro, in 11 prodotti tra cui alcuni dei marchi The North Face, Salewa e Mammut. Questa sostanza è già sottoposta a severe limitazioni in Norvegia", afferma Giuseppe Ungherese, campagna inquinamento di Greenpeace Italia.

I Pfc sono composti chimici che non esistono in natura. Una volta rilasciati nell'ambiente si degradano molto lentamente ed entrano nella catena alimentare, causando una contaminazione pressoché irreversibile. Sono stati trovati perfino nelle aree più remote del pianeta, in animali come delfini e orsi polari e nel sangue umano. "Marchi popolari come The North Face e Mammut - sottolinea Ungherese - non mostrano grande rispetto della natura considerato il massiccio uso di sostanze chimiche nelle loro filiere produttive. Insieme a tutti gli amanti della natura e degli sport all'aria aperta - conclude il responsabile di Greenpeace - li sfidiamo a mostrarci che cosa vuol dire essere leader nel rispetto dell'ambiente: devono smettere di usare sostanze chimiche pericolose adesso". Negli ultimi anni, ricorda l'organizzazione, molti marchi dell'outdoor hanno abbandonato i Pfc a catena lunga a favore di quelli a catena corta, sostenendo che fossero un'alternativa meno dannosa. Eppure, recentemente, più di 200 scienziati da 38 Paesi hanno firmato la Dichiarazione di Madrid che raccomanda di evitare l'uso di tutti i Pfc - inclusi quelli a catena corta - nella produzione dei beni di consumo. Il primo marchio del settore outdoor ad annunciare ufficialmente oggi l'impegno Detox è Páramo Directional Clothing.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19: “Chiunque trovi il vaccino deve con…

Rapporto Human Rights Watch sul Covid-19:  “Chiunque trovi il vaccino deve condividerlo"

Trasparenza, cooperazione globale e responsabilità per una cura alla portata di tutti. I governi dovrebbero massimizzare l'accesso al vaccino Covid-19 e garantirlo economicamente alle persone in tutto il mondo, ma altresì...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]