Mercoledì, 02 Marzo 2016 11:34

Palestina. Accanto ai bambini e alle famiglie vulnerabili Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

“Vivono sotto la minaccia quotidiana di violenza e morte. Hanno paura di andare a scuola. Noi li aiutiamo a elaborare il trauma”

MILANO - La violenza, gli arresti e le restrizioni alla libera circolazione a Hebron e nelle altre aree palestinesi occupate, continuano ad avere un terribile impatto sull’infanzia. Alcuni bambini, beneficiari dei Programmi SOS, sono tra le vittime della efferata violenza che si sta consumando in quelle zone. Una bimba di 11 anni è stata colpita ad una gamba da un lacrimogeno mentre usciva di casa. La ferita è guarita ma ora lei ha paura di andare a scuola.

“Tutti i bambini e ragazzi di Hebron, Betlemme, Beit Ummar, Dura e Saer, aree che hanno visto un aumento della violenza e scontri tra palestinesi e israeliani, sono drammaticamente traumatizzati. Gli effetti dei checkpoint, degli arresti domiciliari, dell’utilizzo di proiettili di gomma e lacrimogeni sui bambini, sono l’aumento di angoscia, paura, crisi di panico, insonnia e incubi, sentimento di morte e distruzione della sfera simbolica affettiva nel vedere la morte o l’umiliazione dei propri genitori impotenti. Il movimento dentro e fuori dalla città di Hebron e nei villaggi circostanti è limitato. Le strade sono bloccate, le scuole chiuse” -  racconta un nostro collaboratore.

L'ONU ha segnalato nel dicembre 2015 che 4.200 bambini di Hebron sono stati costretti a passare attraverso i checkpoint per andare a scuola. Secondo gli insegnanti, i bambini non sono in grado di concentrarsi e mostrano gravi segni di disagio psico-sociale.

“I bambini che stiamo proteggendo a sostenendo hanno visto i loro padri e fratelli arrestati dall'esercito israeliano. Alcuni hanno anche assistito all’uccisione di parenti o amici. SOS Villaggi dei Bambini sta rafforzando la sua attività proprio nelle zone occupate per dare sostegno psicologico alle vittime di traumi. Ci stiamo occupando delle famiglie vulnerabili per aiutarle a superare il dramma  del vivere continuamente sotto la minaccia di violenza e morte. Ci stiamo occupando di circa 400 bambini e di 81 famiglie”.

Nel mese di febbraio un alto funzionario delle Nazioni Unite ha condannato la detenzione da parte di Israele di oltre 525 palestinesi, molti dei quali minorenni. Da oltre una decina di anni i maltrattamenti dei bambini palestinesi nel sistema detentivo militare israeliano sono ampiamente diffusi e sistematici. Anche UNICEF ha pubblicato un rapporto in tal senso. “Anche il sistema militare detentivo di Israele che colpisce i bambini è una anomalia” – ha concluso il nostro collaboratore.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]