Martedì, 31 Maggio 2016 11:23

Greenpeace: aziende tessili sottoscrivono l'impegno Detox, per una moda priva di sostanze tossiche Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA – Cresce il numero di aziende che si impegnano a produrre secondo lo standard Detox di Greenpeace, il più elevato per la gestione delle sostanze chimiche nelle filiere tessili.

Beste (tintoria e finissaggio tessuti), Ongetta (filatura), Dienpi (produttore di etichette), Maglificio Ripa (tessitura), Monticolor (filatura), Imbotex (produttore di imbottiture), Alesilk (tessitura), Italtextil Sarata (filatura) che produce in Romaia, Filmar (filatura) e la consociata Filmar Nile (filatura/nobilitazione) che produce in Egitto, si aggiungono alle 27 aziende del distretto tessile di Prato e ai 39 marchi internazionali che si sono impegnati per una produzione priva di sostanze tossiche.

Queste aziende, come richiesto dalla campagna Detox, hanno già rinunciato all’utilizzo di numerosi gruppi di sostanze chimiche pericolose per l’ambiente e per la salute e hanno definito precise scadenze per l’eliminazione di altri gruppi di sostanze tossiche.

“Le nuove adesioni confermano, ancora una volta, che Detox è già lo standard per rivoluzionare uno dei settori produttivi più inquinanti al mondo e rappresentano la risposta migliore alle recenti critiche pervenute dal settore chimico” afferma Giuseppe Ungherese, responsabile Campagna Inquinamento di Greenpeace.

Sono 76 le aziende impegnatesi finora e rappresentano circa il 15 per cento della produzione di abbigliamento in termini di fatturato a livello globale. E aumentano sempre di più.

Nelle scorse settimane due organizzazioni internazionali che raggruppano i principali produttori di sostanze chimiche utilizzate nel settore tessile, ETAD (Ecological and Toxicological Association of Dyes and Organic Pigments) e TEGEWA (Textilhilfsmittel Gerbstoffe and Waschrohstoffe), avevano definito la sfida “scarichi zero” delle sostanze tossiche, prevista dal protocollo Detox di Greenpeace, come difficilmente raggiungibile in base alle tecnologie attualmente disponibili. Queste organizzazioni hanno inoltre dichiarato che i marchi, sottoscrivendo Detox, sarebbero incapaci di mantenere gli impegni presi. Greenpeace ritiene invece che questa sfida si può, e si deve, vincere: le soluzioni tecniche esistono e alcune aziende hanno già cominciato ad applicarle. “Gli standard dettati dalla campagna Detox di Greenpeace sono ormai la norma del settore” conclude Ungherese “e gli argomenti del settore chimico sono solo delle scuse, poco credibili, dietro cui nascondersi”.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]