Sabato, 06 Novembre 2010 14:04

Emergenza carceri. Insostenibile sovraffollamento a Regina Coeli

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA - Si fa sempre più pesante la situazione nel carcere romano di Regina Coeli. Il sovraffollamento e la carenza di servizi essenziali come, ad esempio, l’acqua calda, stanno creando una situazione insostenibile. La denuncia è del Garante dei diritti dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni.

Nei scorsi giorni, con la sezione di Primo Ingresso strapiena di detenuti, le persone arrestate e trasferite in carcere hanno dovuto sopportare un’anticamera di diverse ore nelle celle di sicurezza dell’Ufficio Matricola prima di essere accolte nel cosiddetto transito.

«L’insopportabile sovraffollamento - ha detto il Garante dei detenuti Angiolo Marroni - si aggiunge alla carenza di servizi essenziali come l’acqua calda, che ormai manca da luglio per la  rottura dell’impianto centralizzato di riscaldamento dell’acqua. La direzione del carcere riesce a garantire una doccia calda solo a 15 - 20 detenuti a sezione a fronte di una media di 150 reclusi».

I detenuti hanno riferito ai collaboratori del Garante che, per lavarsi con acqua calda sono costretti a scaldare l’acqua sui fornelli e tutto questo comporta una spesa ingente per l’acquisto di bombolette a gas, che pochi possono permettersi. Accanto a questo c’è la mancanza di vestiario pesante per affrontare l’inverno; infatti, soprattutto i detenuti stranieri non sono attrezzati per i rigori dell’inverno e il cappellano e i volontari Caritas non riescono a garantire vestiario per tutti.

Inoltre, l’elevata presenza di detenuti con condanna definitiva (nonostante Regina Coeli sia un carcere giudiziario) e il sovraccarico di lavoro del Tribunale di Sorveglianza di Roma, fa sì che i detenuti lamentino ritardi pesanti nella fissazione di Camere di consiglio, nei colloqui con i Magistrati, nelle risposte alle istanze di liberazione anticipata.

Realizzato nel 1654, Regina Coeli ospita attualmente oltre mille detenuti, in 8 sezioni (spesso in 4 o 6 in ogni cella).  I lavori di ristrutturazione della struttura, che in questi anni hanno interessato molte delle sezioni, non sono però riusciti a risolvere i problemi che affliggono il carcere.

«La realtà è che, al di là dell’emergenza carceri che ormai dura da troppo tempo - ha concluso Marroni - Regina Coeli non è ormai più in grado di garantire standard minimi di vivibilità e di poltiche volte al recupero sociale del reo, come previsto dalla Costituzione. E’ forse giunto il momento di pensionare Regina Coeli come carcere e di restituirlo al pieno godimento della città».

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]